Tempo di lettura: 2 minuti

Nel romanzo “Tutta colpa delle bollicine” di Carmela Pappalardo si racconta una storia d’amore tormentata, perché entrambi i protagonisti si fanno guidare dalla paura di soffrire e per questo motivo si allontanano. Eduardo è un ammirato attore di teatro; sei anni prima ha conosciuto Michela, la ragazza che gli ha rubato il cuore e che è diventata la sua musa, ma il terrore dei legami lo ha spinto a scappare, anche se da quel momento la sua vita è stata triste e solitaria. Eduardo ha perso la mamma quando era piccolo in circostanze tragiche: ella si era abbandonata alla disperazione per via di un marito che la ignorava e che non le dimostrava amore, e per questo motivo il ragazzo aveva deciso di chiudere il suo cuore e di non innamorarsi mai. Il destino, però, aveva altri piani per lui: durante un evento organizzato da suo nonno, proprietario di una prestigiosa azienda vitivinicola, Michela irrompe nella sua esistenza per cambiarla nel profondo. In principio i due non si prendono e non fanno altro che battibeccare; con i giorni, però, l’attrazione cresce e si avvicinano pericolosamente. Michela non ha avuto i traumi di abbandono di Eduardo e quindi accetta con gioia quel sentimento che sta nascendo tra loro; quando si dichiara al ragazzo, però, trova un muro: egli prima si avvicina, spinto da una forza irresistibile, ma poi si ritrae, provocando un immenso dolore nella giovane. Ed è così che i due si separano, quando Eduardo scappa da lei andando a studiare recitazione a Londra e spezzando il cuore di Michela. Dopo sei anni dal quel brusco allontanamento, entrambi pensano ancora l’uno all’altra, anche se non si sono più visti né sentiti; il romanzo inizia proprio con il ritorno di Michela nella sua terra natale, la Sicilia, e con l’incontro con Eduardo, che sta facendo tappa con il suo spettacolo di “Romeo e Giulietta” a Catania. È tempo di affrontare il rimpianto e i sensi di colpa per un amore che poteva durare per sempre e che invece si è perduto tra paure e lontananza. Quel sentimento travagliato esplode al loro incontro: Eduardo sa di avere un’occasione preziosa, che non può lasciarsi scappare, mentre la ragazza lo tiene a distanza, per quella stessa paura che sei anni prima aveva paralizzato lui. Michela sarà disponibile a perdonarlo, e a tentare di ricostruire i pezzi di una relazione mai davvero consumata? O il destino li vorrà ancora separati?