Tempo di lettura: 16 minuti

Losanna da ri-scoprire, tante sorprese a piccoli prezzi

Voglia di ri-vivere, di ri-trovare normalità e piacere della vita. Anche per Losanna, piccola capitale del Vaud con l’animo da metropoli, è tempo di un rapido e gioioso ritorno alla quotidianità. Con tutta la complicità di una estate che, quest’anno più che, mai invita al dolce far niente, tentati dalla convivialità di una sosta gourmand, ammirati dalla visita di un museo o di una mostra, conquistati dai panorami che la circondano e dalle sue atmosfere rivierasche . Un programma di viaggio che si arricchisce di tante iniziative a misura di individuali e famiglie. A cominciare dal nuovo Lausanne City Pass valido da 1 a 3 giorni che consente l’accesso a musei ed attività con un unico biglietto; e dal Carnet de voyage riservato agli ospiti più piccoli.

Lausanne City Pass: il meglio della città con un unico biglietto di accesso

E’ la grande novità dell’estate 2021. Il Lausanne City Pass, valido da 1 a 3 giorni, apre agli ospiti le porte di alcune delle maggiori attrazioni della città e dei dintorni con un unico biglietto, a prezzi ridottii. Il pass valido 1 giorno (Chf 35) include le visite della Collection de l’Art Brut, del Museo Olimpico, del Museo Cantonale di Belle Arti ora nella nuova sede di Platerforme 10, e l’originale salita al Campanile della Cattedrale, oltre all’utilizzo per l’intera giornata dei mezzi urbani nell’area 11 e 12. La soluzione valida 2/3 giorni (Chf 39), oltre a quanto previsto dal City Pass di  1 giorno comprende le visite del  Museo romano di Losanna – Vidy,  del Museo Storico  e della Fondation de l’Hermitage Oltre ad un goloso souvenir della cioccolateria Durig di Losanna. Il Pass 2 – 3 giorni prevede anche visite a tariffe ridotte dell’Acquarium Vivarium Acquatis  e di  altre attrazioni del cantone:  il Castello di Chillon, le Miniere di sale di Bex ai piedi delle Alpi vodesi ;Glacier 3000, balconata da cui si dominano le Alpi vodesi e palestre di attività sportive in ogni mese dell’anno; il Chaplin’s World by Grevin, museo allestito al Manoir de Ban dove Chaplin visse  gli ultimi 25 anni di vita; e la Maison Cailler che invita a ripercorrere l’epopea del cioccolato svizzero. Il City Pass 2/3 giorni non include il trasporti urbani che sono però compresi dalla Lausanne Transport Card  consegnata gratuitamente a chi pernotta in una struttura ricettiva della città. Indipendentemente dalla durata, Il Lausanne City Pass ti dà accesso alle mostre permanenti e temporanee dei musei. https://www.lausanne-tourisme.ch/fr/offre/lausanne-city-pass/

Aquatis

Si rinnova il “benvenuto” ai più piccoli

E’ un autentico diario di bordo quello che Lausanne Tourisme riserva ai suoi piccoli ospiti, dai 5 ai 12 anni: un astuccio da portare al collo completo di sei matite colorate, temperino, colla, gomma e tanti suggerimenti per attività ludiche e creative. Il “Carnet de voyage”, alla sua seconda edizione, è un ludico invito a esplorare la città con gli occhi e la fantasia. Indovinelli, disegni, giochi, collage e molte sorprese portano a scoprire le meraviglie sommerse di Aquatis (il più grande Acquario di acqua dolce d’Europa), di Place de la Palud e del suo storico mercato, del Museo Olimpico, autentico tempio di campioni e primati, del Parco di Sauvebelin e delle sue varie attività o i tesori del MCBA (Museo Cantonale di Belle Arti). Il Carnet dà poi diritto ad alcune piacevoli sorprese: dal cupcake fatto in casa al gelato sul lungolago di Ouchy, dalla cioccolata a La Chocolatière, al frutto ad una bancarella del mercato. E’ disponibile presso gli uffici del turismo e in numerosi hotel della città.www.lausanne-tourisme.ch

Torna “Vaud à la carte”, a sostegno del turismo locale

Dopo il successo dello scorso anno, torna “Vaud à la carte”, iniziativa messa a punto dall’OTV – Ufficio del Turismo cantonale in collaborazione con partner pubblici e privati, per sostenere le infrastrutture del cantone, incluse alcune realtà losannesi. Fino al 31 ottobre 2021 chi prenota due o più notti negli hotel che aderiscono al progetto, può fruire di una carta prepagata del valore di CHF 100 a camera da utilizzare presso ristoranti, aziende vinicole, musei ed attrazioni turistiche dell’intera regione. Basta registrarsi, prenotare le 2 notti, scaricare la conferma e la Carte verrà inviata direttamente all’hotel prescelto, dove potrà essere ritirata all’arrivo. Modalità di richiesta della Card sono sul sito www.region-du-leman.ch

Lausanne à Table, per riassaporare il piacere della convivialità

Ormai è un appuntamento fisso, quest’anno più atteso che mai. Lausanne à Table, vetrina delle Eccellenze e delle “buone pratiche alimentari” di Losanna e dell’intero cantone, si conferma come uno degli appuntamenti più intriganti della stagione. Sebbene più snello rispetto alle passate edizioni, adattato alle norme antiassembramento tuttora vigenti, fino a dicembre ha già in agenda una ventina di eventi. Il 1° agosto in occasione della Festa nazionale svizzera, tradizionale Pic Nic sullo scenografico parterre dell’Esplanade de Montbenon, uno dei parchi più belli della città, affacciato sul lago, attrezzato  con ombrelloni, lettini, grill ed intrattenimenti messi a disposizione gratuita del pubblico e varie bancarelle di produttori locali dove acquistare tante bontà dolci e salate. Dal 27 luglio al 4 settembre, Lausanne Tourisme offre ai bambini dai 3 ai 7 anni ed alle loro famiglie la Festa del Gusto dei piccoli panettieri in erba. Atelier all’aria aperta sull’arte della panificazione, che prevede una caccia al tesoro, la realizzazione di una storia da gustare e di un labirinto di pasta di sale per modellare il pane come veri fornai. Al termine, una bella merenda chiude in bellezza la giornata con mamma e papà. Il 28 agosto ed il 4 settembre, per celebrare i 50 anni dello Sportello per l’Immigrazione, Passeggiata nei 4 angoli del mondo, con tappe scandite dai sapori di Asia, Africa e Sud America. Grande attesa per la Fonduta d’autunno (3 ottobre) e per il Campionato mondiale di Malakoff (4 novembre) annunciato e più volte rinviato. Tredici ristoranti si sfideranno nella realizzazione di questa frittella farcita di Gruyères, votati poi da una giuria di professionisti. Il concorso si terrà (a porte chiuse) nel laboratorio di innovazione e design HyperAktliv, frutto della conversione della ex fabbrica Valentine Friteuses. Il programma completo di Lausanne à Table è disponibile sul sito www.lausanneatable.ch

Relaxation on the Brasserie de Montbenon’s terrace and in the Casino gardens

Suggestioni urbane dalle terrazze della città

Ci sono quelle con vista a 360° sul lago e quelle incastonate tra vicoli e piazze del centro storico, quelle dal fascino antico e quelle più agresti. Un modo originale per conoscere la città è vivere, cogliere i ritmi comodamente seduti in una delle sue numerose terrazze. Luoghi di coccole e tentazioni sempre più apprezzati dopo prolungati lockdown. Si può optare per quella di Montbenon, annessa all’omonima ed apprezzata Brasserie da ci si domina il lago e lo skyline delle Alpi. Sul lago, atmosfera californiana a Le Lacustre, su Quai Jean Pascal Delamuraz, o sull’altro versante del porto, di fronte al Luna Park, dove la buvette ed il pontile prendisole de Le Jetèe de la Compagnie evocano momenti di puro relax. Da intenditori, il Café Beau Rivage, autentica istituzione, è la brasserie raffinata di Olivier Gerber valutata 14/20 dalla Gault e Millau. Non lontana anche la terrazza panoramica del Tom Café, all’ultimo piano del Museo Olimpico. Frequentatissima, offre una vista unica sul lago di Ginevra e le Alpi. Nei fine settimana da provare il ricco brunch. Nei pressi della stazione ferroviaria, il Cafè de Grancy, è un allegro bistrot che propone una cucina contemporanea e brunch nel fine settimana. Nel cuore del parco di Mont Repos La follia di Voltaire, è ideale per una spuntino a base di prodotti locali, allietato da uno sciroppo di mele cotogne fatto in casa. Sapori ellenici accompagnati da ouzos al Meraki, aperto pochi mesi fa nei pressi di Place de la Riponne. Nel cuore antico della città, in Place de la Palud, la sosta obbligata è al Café de l’Hôtel de ville accanto al Municipio, a due passi dall’orologio animato da un corteo di automi che, dalle 9 alle 19, all’angolo di Rue de la Mercerie batte ogni ora ricordando capitoli di storia locale. A due passi, il déhors del Café du Grutli, locale del 1849 in un edificio del XIV secolo. Un ambiente cordiale e senza tempo, regno di fondute e ricette tipiche vodesi. Curato in ogni dettaglio, Le Jardin du Vieux Lausanne è il gioiello dell’ impresa ultratrentennale di Anders Ahlgren, svedese diplomatosi alla Scuola Alberghiera di Losanna, ed ora del figlio Gary. Un angolo nel verde ai piedi dei bastioni della cattedrale, dalle 17 in poi tempio di aperitivi, birre artigianali e finger food che sposano la tradizione nordica a quella elvetica.

Nascosta sotto il Pont Bessières,  Les Grandes Roches, è molto frequentata nelle sere d’estate, mentre Les Arches, sotto il Grand-Pont, in Place de l’Europe, e un rito per un aperitivo. Di fronte, nel quartiere del Flon, il Mad Cafè è il volto diurno del Mad, discoteca di fama mondiale. Gli amanti della musica, fra un drink ed un snack, al suo interno possono rivivere la storia della musica degli utlimi decenni attraverso le copertine di vinili e le foto di artisti e disc jockey che vi si sono esibiti.

Per una pausa fra una visita culturale e l’altra, da suggerire L’Auberge de Beaulieu, bar ristorante a due passi dalla Collection de l’Art Brut e dal Palais de Beaulieu, noto per i piatti locali ma anche per sfiziose dissertazioni etniche e per i golosi brunch domenicali. Nel verde che circonda il Museo de la Fondation de l’Hermitage, merita una sosta L’Esquisse, mentre di fronte a Plateforme 10 e al MBCA il Nabi si distingue per i suoi menu creativi ma dai prezzi contenuti. Gli indirizzi delle terrazze della città, sono disponibili su www.lausanne-tourisme.ch/it/guida/le-terrazze-in-lausanne/

Sculpture in front of the IOC headquarters

Vacanze come in Riviera…

E’ un lago ma non si fa fatica a viverlo come una vera riviera. Costellato da baie, piccoli villaggi e porticcioli, sin dall’800 il Lemano, o lago di Ginevra, è stato il primo richiamo turistico della città, e dal 1927 ribalta dei primi stabilimenti balneari. Una nuova area bagnanti di 2000 mq, aperta tutto l’anno, è allestita al Vecchio Porto di Ouchy, fra il Ponton del la Vierge du Lac ed il primo centro noleggio pedalò della Piazza. Delimitata da boe gialle che vietano il transito alle imbarcazioni, è’ dotata di accessi facilitano l’entrata in acqua.Poco lontano, gli imbarcaderi dei moderni scafi e degli storici battelli Belle Epoque a vapore e a  pale della CGN, la Compagnie de Navigation in attività dal 1873. Ogni giorno invitano a salire a bordo per crociere panoramiche che fanno rotta allo Chateau du Chillon scivolando lungo lo splendido scenario del Lavaux, o verso Ginevra. Entro il 2022 la Compagnia disporrà di due nuovi battelli a tecnologia ibrida per la riduzione dell’inquinamento.www.cgn.ch

… o sulla scia dei campioni del pedale

Lungo il lago, tra i declivi delle colline del Lavaux, dal 2007 Patrimonio Unesco, e le prime pendici delle montagne si dipanano molti tracciati ciclabili. La bici, mezzo sempre più diffuso a Losanna, può essere anche caricata sulla M2, fino al capolinea de Les Croisettes. Da qui, in sella, si possono ridiscendere facilmente i 338 metri di dislivello sino a Ouchy. In alternativa, si può raggiungere lo Chalet-à-Gobet, punto di partenza di percorsi di mountain bike di 10 e 20 km. I più sportivi possono anche pedalare attraverso il Jorat verso Moudon (50 km andata e ritorno) o da Echallens (raggiungibile con il trasporto pubblico) raggiungere il Gros-de-Vaud. Complessivamente sono 8 percorsi che vanno da 17 a 103 km di lunghezza, a cui si aggiungono molte strade di campagna asfaltate e ideali per le due ruote. A circa un’ora da Losanna, si può pedalare fino a Leysin o a Les Paccots, o ancora lungo il lago, verso Saint Sulpice o percorrere il sentiero pedonale che costeggia il lago e le terrazze vitate del Lavaux.  In città sono numerose le possibilità di noleggio di due ruote (anche elettriche)

Lo sport, anima dell’estate 2021 della Capitale Olimpica

Lo sport, è uno dei leit motiv dell’estate 2021 della Capitale olimpica. Tema di visite o attività in varie sedi.

** Museo Olimpico –  Fino al 21 novembre 2021, il Museo Olimpico presenta un ampio programma culturale dedicato al Giappone, Paese che ospita XXXII Giochi Olimpici (Tokyo, dal  23 luglio al 9 agosto) e ai manga sportivi. La prima mostra “Celebrate Tokyo”, secondo la tradizione, vede il museo losannese accompagnare lo svolgimento dei Giochi con un’esposizione dedicata alla città che li accoglie ; la seconda “Sport X Manga” invita invece a scoprire i legami di eroi ed eroine Manga con la storia giapponese contemporanea e la loro influenza sulle pratiche sportive. Completano il programma una serie di attività “phygital” nel Museo e nel parco circostante, visite settimanali guidate per individuali e per famiglie (fino al 21 luglio, da prenotare), una serie di podcast e un’applicazione di realtà aumentata. Quotidianamanete sarà anche possibile seguire le gare olimpiche  in diretta nella Galleria del Museo Olimpico. www.olympic.com

Il 26 agosto, poche settimane dopo la conclusione dei Giochi Olimpici di Tokyo, Losanna sarà la prima città europea ad ospitare un grande meeting di atletica, Athletissima che riunirà l’èlite dell’atletica internazionale allo Stade de la Pontaise www.lausanne-tourisme.ch Pochi giorni dopo, dal 2 al 5 settembre, nel verde magico di Chalet-à-Gobet Equissima quest’anno ospiterà la Coppa Europa CCI 3*-S., concorso biennale a cui parteciperanno una dozzina di squadre composte da sei cavalieri.www.equissima.ch  Dal 13 ottobre al 3 novembre, la Maratona di Losanna – considerata una delle più belle gare podistica del Vecchio Continente, ha in programma una edizione…personalizzata. I partecipanti (oltre15mila nelle ultime edizioni) potranno scegliere il giorno in cui effettuare la gara, l’ora di partenza e la distanza (dai 5 ai 42 km) da coprire secondo il proprio passo lungo 5 scenografici percorsi. www.lausanne-marathon.com

Losanna in mostra

** MCBA – Museo Cantonale delle Belle Arti – Oltre alla esposizione permanente (gratuita), fino al 20 settembre  il museo ora riallestito a Plateforme 10 ospita Jean Otth. Gli spazi di proiezione. Una ricostruzione del mondo e del linguaggio artistico di questo pioniere della videoarte in Svizzera, scomparso nel 2013, che dalla fine degli anni ’60 per oltre cinquanta anni fatto sue tutte le possibilità visive offerte dalle nuove tecnologie: la diapositiva come immagine proiettata e smaterializzata, la televisione e i suoi meccanismi, il carattere sperimentale e mobile del video. www.plateforme10.ch; www.mcba.ch

** MUDAC –  In attesa di trasferirsi nei nuovi padiglioni di Plateforme 10, il Mudac, museo del design e dell’arte contemporanea, propone una serie di passeggiate sul tema dell’arredo urbano, in particolare le panchine pubbliche. Dalla sede attuale del museo, in Place de la Cathédrale, si percorrono varie are urbane fino a raggiungere la sua nuova collocazione, incrociando vari tipi di panchine, da quella di legno verde alle sedute di design innovativo concepite come parte integrante di uno spazio pubblico. Le passeggiate, su prenotazione e per un numero limitato di partecipanti, si svolgono il 27 giugno ed il 5 settembre..www.mudac.ch

** Collection de l’Art Brut –  « Anonimi », fino al 31 ottobre questo particolare museo nato per volontà di Jean Dubuffet, mette in luce opere non firmate o comunque attribuibili. Coordinata da Gustavo Giacosa, regista e attore e Pascale Jeanneret, curatrice della Collection de l’Art Brut, la mostra riunisce pezzi storici che testimoniano le diverse realtà ed espressioni di un’arte che spesso ignora i nomi degli autori. Lontani da ogni considerazione artistica, rinchiusi in manicomi o in istituti di correzione, hanno lasciato opere spesso considerate  come sintomi di devianza e oggetto di studio dei primi congressi internazionali di criminologia. Sono esposte opere della Collection de l’Art Brut, insieme a prestiti dalla Collezione Prinzhorn di Heidelberg e dalle collezioni torinesi del Museo di Antropologia Criminale Cesare Lombroso di Torino e del Museo di Antropologia ed Etnografia. www.artbrut.ch

** Museo della Mano UNIL-CHUV  – L’istituzione universitaria, poco conosciuta ma di grande interesse per chi è affascianato da scienza e medicina, fino al 15 agosto accoglie un singolare viaggio interattivo del cibo attraverso l’apparato digerente, dalla sua ingestione alla sua eliminazione, un processo naturale e autonomo di cui non sempre siamo consapevoli. Mangiare. La Meccanica dello stomaco è un invito a riflettere e confrontare le caratteristiche digestive del regno animale, ad una maggiore consapevolezza delle pratiche culinarie che rivelano la dimensione sociale del cibo e il suo impatto sulla salute. Il viaggio è accompagnato da una ironica cornice musicale che contribuisce a fare di questa mostra  un’esperienza musico-scientifica davvero inusuale. www.museedelamain.ch

** Fondation de l’Hermitage  –  Fino al 31 ottobre la Fondation de l’Hermitage dedica una grande retrospettiva al pittore lucernese Hans Emmenegger (1866-1940). Considerato tra i più importarnti pittori svizzeri del suo tempo, sia per l’originalità, sia per la scelta di soggetti insoliti. Cento i dipinti in esposizione, in gran parte provenienti  dal Kunstmuseum di Lucerna, selezionati per tratteggiare l’evoluzione del suo linguaggio pittorico, la ricerca del movimento, la scelta di temi. In mostra anche dipinti di suoi coetanei come Cuno Amiet, Arnold Böcklin, Giovanni Giacometti, Ferdinand Hodler, Félix Vallotton e Robert Zünd ed opere di artisti svizzeri contemporanei ispirati al suo lavoro: Caroline Bachmann, Stefan Banz, Michel Grillet, Alois Lichtsteiner, Nicolas Party e Albrecht Schnider.www.fondation-hermitage.ch

** Museo romano di Losanna-Vidy  – Alla periferia della città, Lousonna Passato e Presente è una mostra permanente che testimonia quella che fu una fiorente città gallo-romana sulle rive del lago Lemannus. Un crocevia di culture che segnò un profondo cambiamento negli Elvezi, diffuse l’uso del latino e della scrittura,  di nuove tecniche e nuove attività di svago come le terme o il teatro, contribuendo a plasmare la cultura gallica con quella di Roma. Fino al 26 settembre, il Museo ospita anche Il tempo e me che confronta la tensione tra il tempo umano e la cronometria. Soprattutto in questo lungo periodo di forzata reclusione a causa della pandemia, il tempo è vissuto e percepito in modo soggettivo, al di là di calendari, scadenze ed orologi. Al contrario di quanto avveniva in epoca romana, quando le dodici ore del giorno erano elastiche, ripartite fra  la durata tra l’alba e il tramonto, e variavano con le stagioni www.museeromain.ch

Da fare, da visitare, da vedere – Estate 2021

Fino al 31 ottobre: Trésor Végétal – Al Giardino Botanico, il verde come patrimonio in pericolo, da tutelare, studiare e preservare. All’esterno, fino al 23 dicembre, carrellata di immagini di Mario Del Curto, autore di scatti su piante rare in via di estinzione, espansione e rigenerazione del territorio. Ingresso gratuito www.botanique.vd.ch

Giugno –   Dicembre :Lausanne à Table, un grande ritorno in presenza per uno degli appuntamenti più “appetitosi” dell’anno! Programma completo disponibile dal 15 giugno (vedere paragrafo dedicato) www.lausanneatable.ch

26 agosto: Athletissima, l’èlite dell’atletica internazionale si dà appuntamento allo Stade de la Pontaise per uno dei meeting sportivi più attesi dell’anno. Dopo le Olimpiadi di Tokyo sarà il primo grande Gala europeo di atletica che consentirà di ammirare ed applaudire le prove di oltre 250 campioni della regina delle discipline olimpiche. Biglietti ( tutti i posti saranno numerati) in vendita su Ticketcorner dal 15 giugno. Il Meeting sarà preceduto, la sera prima, da una gara di salto in alto nel cuore della città con accesso gratuito, secondo le modalità le condizioni vigenti al momento www.lausanne-tourisme.ch

2 – 5 settembre: Equissima In occasione dell’edizione 2021, Losanna ospiterà la Coppa Europa CCI 3*-S. , concorso biennale aperto a tutte le nazioni europee. Che vedrà la partecipazione di una dozzina di squadre composte da sei cavalieri devono prima presentare una quadriglia con figure imposte. Poi, ogni concorrente eseguirà i tre eventi tradizionali (dressage, cross-country e salto a ostacoli). La classifica si basa sui risultati consolidati di ogni membro della squadra. La competizione si svolgerà nel verde magico di Chalet-à-Gobet .www.equissima.ch

18 settembre: LGTRAIL Losanna – Ginevra. Una giornata all’insegna della corsa che prevede diverse categorie, su varie distanze, per tutte le età e grado di allenamento. In apertura, la corsa in notturna di 18 km nel cuore di Losanna (con partenza a mezzanotte). Seguiranno le competizioni sul percorso di oltre 110 km ( o distanze inferiori) che da Losanna, tra le creste del Giura, pascoli, vigne e suggestivi paesaggi del Vaud  raggiungono Ginevra fino a lambire il confine francese..www.lgtrail.com

25 settembre: Notte dei Musei di Losanna e Pully, un magico viaggio fuori dal tempo che, dalle 14 a notte fonda. Un appuntamento che si ripete e si rinnova negli anni ed invita a scoprire atelier, momenti di animazione ed oltre 20 musei e luoghi del Patrimonio di Losanna e Pully. www.lanuitdesmusees.ch

13 ottobre – 3 novembre: Maratona di Losanna – considerata una delle più belle gare podistica del Vecchio Continente, quest’anno ha programato una edizione particolare ad interattiva che consentirà ai partecipanti (oltre15mila nelle ultime edizioni) di viverla in modo personalizzato! Si potrà scegliere il giorno in cui effettuare la gara, l’ora di partenza e la distanza da coprire (dai 5 ai 42 km), in modo da interpretare la gara secondo il proprio passo lungo 5 scenografici percorsi : da quello storico (da Losanna fino alla Tour de Peliz e ritorno) a quello tradizionale della mezza maratona ( dalla tour de Peliz  a losannao o da Losanna a Cully) il tracciato da 10 Km ( da Losanna a Lutry e ritorno) il percorso « scoperta di 5 Km 8 da Losanna a Pully e ritorno) al percorso per caminatori e nordic walkers praticabile su tutte le distanze che costeggiano le rive del lago e i vigneti del Lavaux. Aggiornamenti ed informazioni www.lausanne-marathon.com

Siti utili www.lausanne-tourisme.ch/it/