Tempo di lettura: 2 minuti

Si terrà il prossimo 1° dicembre alle 19 nel Foyer del Petruzzelli la conferenza stampa e presentazione del Progetto SAID e del disco “IN BIANCO E IN ROSSO” del talentuoso cantante barese Giuliano Ciliberti.

Il progetto “BARI TUTTA UN’ALTRA STORIA” e “IN BIANCO E IN ROSSO” partono per celebrare i venticinque anni di attività (il prossimo 26 marzo 2022) della SAID (Associazione Internazionale Docenti), ente no profit di docenti e professionisti, iscritta all’albo delle Associazioni Culturali del Comune di Bari dal 2010 e decine sono le attività svolte dall’associazione in questi lunghi anni.
Il progetto nasce dalla profonda esigenza di valorizzare la cultura di Bari e il suo territorio, spaziando tra storia, arte e tradizioni attraverso l’occhio “disincantato ma incantato” di ragazzi diversamente abili.
Le emozioni dei ragazzi “speciali”, durante i laboratori esperienziali creativi “Vivi la Storia” e “Alfabetizzazione fotografica”, in cui gli allievi hanno potuto studiare e comprendere la storia, toccando con mano le pietre e i monumenti della città di Bari, si sono trasformate in scatti emozionali permettendo l’allestimento di una mostra di oltre 60 gigantografie dal titolo: “Bari: tutta un’altra storia, percorsi emozionali per conoscere, riconoscere e far conoscere”.
Il successo di questa mostra ha spinto la SAID a trasformare la mostra in un LIBRO GUIDA, arricchito da tantissime informazioni storiche per lo più non conosciute agli stessi baresi e di itinerari conoscitivi storicamente studiati e realizzati dal prof. Nicola Cutino.
Il prossimo progetto sarà la creazione di due laboratori “Terracotte” e “Special Food” a favore dei ragazzi “speciali della SAID che hanno già avuto modo di cimentarsi in queste arti, realizzando dei veri capolavori.
Dopo il successo del lavoro discografico dedicato a Charles Aznavour, Giuliano Ciliberti torna con un nuovo album, dedicato interamente alla Città di Bari. Otto brani intensi per raccontare una bella storia, dall’inconfondibile titolo IN BIANCO E IN ROSSO un disco che al suo interno si avvale di grandi collaborazioni nazionali e internazionali.

L’Orchestra del teatro di San Pietroburgo al completo diretta dal Maestro Fabio Mastrangelo che ha musicato il brano “Bari bella mia”

Il progetto nasce con la canzone regina “Bari Bella Mia” nata da un’idea di Virna Iacobellis che ha collaborato alla stesura del testo insieme a Giuliano Ciliberti, autore della musica. Il brano è stato impreziosito dall’esecuzione musicale realizzata dall’Orchestra “Northern Sinfonia” del Teatro di Stato “Music Hall” di San Pietroburgo, diretta dal maestro Fabio Mastrangelo, che, in questo modo, ha voluto omaggiare la sua città natale, Bari.

Il brano “Bari Bella Mia” vede la realizzazione del primo videoclip di Giuliano Ciliberti diretto da Ilir Argentiero con la partecipazione del maestro Fabio Mastrangelo, della danzatrice Elisa Barucchieri e di Nicola Pignataro e dei ragazzi speciali della SAID.
Il disco sarà disponibile su tutte le piattaforme musicali a partire dalla mezzanotte del 2 dicembre mentre  dalle 22:00 del 1° dicembre il  videoclip sarà pubblicato su YouTube.

Redazione

Lsd sta per Last smart day, ovvero ultimo giorno intelligente, ultima speranza di una fuga da una cultura ormai completamente omologata, massificata, banalizzata. Il riferimento all'acido lisergico del nostro padre spirituale, Albert Hofmann, non è casuale, anzi tutto parte di lì perché LSDmagazine si propone come cura culturale per menti deviate dalla televisione e dalla pubblicità. Nel concreto il quotidiano diretto da Michele Traversa si offre anzitutto come enorme contenitore dell'espressività di chiunque voglia far sentire la propria opinione o menzionare fatti e notizie al di fuori dei canonici mezzi di comunicazione. Lsd pone la sua attenzione su ciò che solletica l'interesse dei suoi scrittori, indipendente dal fatto che quanto scritto sia popolare o meno, perciò riflette un sentire libero e sincero, assolutamente non vincolato e mosso dalla sola curiosità (o passione) dei suoi collaboratori. In conseguenza di ciò, hanno spazio molteplici interviste condotte a personaggi di sicuro spessore ma che non trovano spazio nei salotti televisivi, recensioni di gruppi musicali, dischi e libri non riconosciuti come best sellers, cronache e resoconti di sport minori, fatti ed iniziative locali che solitamente non hanno il risalto che meritano. Ma Lsd è anche fuga dal quotidiano, i vari resoconti dai luoghi più suggestivi del pianeta rendono il nostro magazine punto di riferimento per odeporici lettori.