Tempo di lettura: 2 minuti

Una pedalata nel passato, in sella a biciclette d’epoca, tra gli ulivi della Puglia. E’ in programma domenica 31 ottobre, con partenza ed arrivo da Polignano a Mare, la prima edizione della “Ciclostorica Puglia”, manifestazione rievocativa e non competitiva del ciclismo del
secolo passato, organizzata dal Mountain Bike Club Bari A.S.D., con il patrocinio gratuito di Pugliapromozione, Città metropolitana di Bari e Comune di Polignano a Mare. Un evento sportivo ma anche uno spettacolo per tutto il pubblico che vi assisterà: i tanti
cicloamatori provenienti da tutta Italia, infatti, sfoggeranno abbigliamento e biciclette d’epoca, dando un tocco vintage a questo splendido angolo di Puglia che li ospita. I due percorsi disponibili, da 90 e da 50 km, consentiranno loro di apprezzare la bellezza, i sapori e gli odori di Puglia, in una performance dallo sforzo moderato e dalla conoscenza “slow” (lenta) del territorio.
Quello del ciclismo storico, con celebri manifestazioni in altre zone di Italia, è un settore sempre più attraente ed in voga, diventato negli anni un motore trainante della economia del turismo locale, che richiama l’attenzione e la presenza non solo di ciclisti, ma anche di accompagnatori e spettatori. Eventi come la “Ciclostorica Puglia” intercettano questa tendenza e la portano in una regione come la Puglia, nell’ultimo decennio con un trend turistico in costante crescita. “Il ciclismo di una volta viene oggi chiamato ‘eroico’. Ci si riferisce a quello delle epiche imprese sportive, dei corridori privi di facilitazioni tecnologiche, in sella a biciclette dai rapporti pesantissimi, capaci in prima persona di ripararle. – ha detto il presidente della MTB Club Bari A.S.D., Giuseppe Arrivo– La ‘Ciclostorica Puglia’ vuol ricordare ciclisti professionisti di un tempo, come il barese Francesco De Fano, che tra il 1929 ed il 1932, partecipò a ben 4 edizioni consecutive del Giro d’Italia nella categoria ‘isolati’, cioè senza assistenza o auto al seguito. Vogliamo rievocare il ciclismo dell’epoca in cui l’atleta poteva contare solo sulle proprie forze e sulla propria capacità di risolvere imprevisti o problemi meccanici. Quella di domenica sarà, quindi, anche l’occasione per tornare tutti, almeno per un giorno, a quel ciclismo per ‘veri duri’”. Come anticipato, due saranno i percorsi disponibili: il corto di 50 km e 400 metri di ascesa e il lungo di 90 km e 822 metri di ascesa. I tracciati si snoderanno tra strade sterrate ed asfaltate pubbliche. La partecipazione è riservata ai soli ciclisti iscritti. Condizione indispensabile per prendervi parte: biciclette storiche, risalenti al periodo compreso tra i primi del 900 ed il 1987, ed abbigliamento della stessa epoca.
Punto di ritrovo alle 7.30 in piazza Aldo Moro. La partenza, invece, è fissata alle 9 nei pressi del Ponte Romano. La manifestazione si svolgerà in osservanza delle norme anticontagio Covid-19.