Tempo di lettura: 4 minuti

A causa degli incendi che si sono sviluppati di recente in Italia, Canada, Grecia, Turchia e Siberia, nel solo 2021 sono state distrutti 3 milioni di ettari di foreste, pari 2,2 miliardi di alberi, con una conseguente immediata immissione in atmosfera di 1,5 miliardi di tonnellate di CO2, pari al 4,2% delle emissioni globali del 2020.

Oggi 10 città da bollino rosso. In Sicilia e Calabria molte le vittime per i roghi in un’Italia stretta nella morsa di un caldo record e degli incendi, soprattutto al Sud.

Ieri a Siracusa, nei pressi del comune di Floridia, il termometro ha riportato 48,8 gradi Celsius. Il dato è stato riportato dal Servizio informativo agrometeorologico siciliano (SIAS), la temperatura più alta mai registrata in Europa.

Secondo i dati elaborati da Ener2Crowd.com, la prima piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico, insieme al GreenVestingForum (www.greenvestingforum.it), la situazione è allarmante e ci allontana dalla strada verso una dimensione globale net zero emission”, andando ad acuire il problema della deforestazione.

La ricerca ha preso in esame gli effetti del cambiamento climatico, mitigati dal ruolo che gli alberi svolgono in termini di temperature percepite, di protezione dal dissesto idrogeologico e di assorbimento della CO2. Nonché il peso della tecnologia e quello impositivo: in Italia il 20% del costo dellenergia per le aziende è infatti legato alle accise che si versano allo Stato per lautoconsumo.

«Il danno ambientale diretto legato all’aumento della CO2 causato dagli incendi è stimabile in circa 154 miliardi di euro, mentre gli investimenti necessari per compensare queste emissioni vanno dai 123 miliardi di euro necessari a finanziare progetti green accessibili tramite lenergy crowdfunding ai 246 miliardi di euro di costo di riforestazione diretto» sostengono gli analisti di Ener2Crowd.com.

«È sempre più evidente come dobbiamo cambiare radicalmente i nostri comportamenti e ri-orientare gli investimenti verso la sostenibilità ambientale e la protezione del patrimonio naturale per evitare che si verifichino nuovamente questi fenomeni, spezzando un circolo vizioso, rallentando linerzia climatica a cui ci stiamo irrimediabilmente abbandonando» puntualizza Niccolò Sovicoceo, ideatore e co-fondatore di Ener2Crowd.com.

A causa degli incendi in SardegnaSiciliaLazioMarche ed Abruzzo e della conseguente perdita di circa 60 mila ettari di bosco, le emissioni di CO2 del nostro Paese subiranno un incremento del 7,1% sul dato totale del 2020.

Peggiore la situazione in Turchia e Canada dove a causa degli incendi sono andati bruciati rispettivamente 140 mila e 200 mila ettari di foreste, con un conseguente incremento delle emissioni su base annua del 17,4% e del 17,8%.

E drammatica è la situazione della Grecia, dove 100 mila ettari di boschi bruciati in pochi giorni produrranno limmissione in atmosfera di 51,3 Mton di CO2 pari al +76% delle emissioni del Paese su base annua.

Di portata mondiale, inoltre, gli incendi della distese di taiga Siberiana, dove sono andati persi 2,5 milioni di ettari di foresta, provocando lemissione di 1,3 Gton di CO2 pari all’83% delle emissioni totali dovute a questa brutale stagione di incendi, oltre ad aumentare del 75% le emissioni di CO2 della Russia, pari a circa 1,7 Gton nel 2020.

«LItalia è il Paese con i danni più contenuti, ma ha già ampiamente superato il quantitativo di boschi andati in fiamme nel 2020, ovvero 55.000 ettari. Il rischio è quello di avvicinarsi al record negativo del 1981 di 225.000 ettari» sottolinea Giorgio Mottironicso e co-fondatore di Ener2Crowd nonché chief analyst del GreenVestingForum.it, il forum della finanza alternativa verde.