Tempo di lettura: 2 minuti

”Finalmente nasce” è lo slogan che annuncia l’istituzione della neonata associazione I Comisastri, nome non nuovo. Infatti l’ormai noto gruppo fondato da Piero Bagnardi, nel 2014, diventa una associazione socio-culturale. Nato quasi per gioco, quasi otto anni fà, da Piero e altri giovanissimi ragazzi della provincia di Bari, con l’unico obiettivo di divertirsi e divertire. Il gruppo negli anni si è distinto anche per l’ideazione di diversi eventi, alcuni destinati alla beneficenza (ad esempio La partita del Cuore) e altre manifestazioni di spessore culturale (Premio Troisi, Noi e la Ricerca, E’ passato il Natale) che hanno richiamato tantissima gente nei teatri della provincia. Non per l’ultimo, la creazione di format e prodotti cine-televisivi; dalla sitcom omonima ”I Comisastri Television” in onda su AntennaSud e TeleLombardia, l’emittente più vista nel nord Italia, alla recente parodia web ”La Casa di Cartone” riuscita ed apprezzata tra i tanti dal popolare comico milanese Giovanni Vernia.
<<L’idea dell’associazione è quello di proseguire in primis sull’aspetto culturale, senza dimenticare chi ha bisogno. Siamo tutti appassionati di arte e il pubblico ci conosce per ciò che ormai da sette anni offriamo a loro, qualcosa che nelle nostre zone non c’è, sopratutto per via della nostra età, poco più che ventenni e questo è un bellissimo obiettivo per il futuro.>> ci dice Piero che nell’associazione è vicepresidente. Il ruolo del presidente lo ricopre Francesco Veronico, che da due anni collabora con Piero, Giuseppe Cocchiara e Francesco Susca. <<L’importante è fare gruppo, I Comisastri hanno dato un grande intrattenimento in tutti questi anni, perché la loro grinta e passione li ha portati a dei livelli che ora fa quasi concorrenza agli artisti di importanza maggiore. Questo fa onore ai ragazzi e che possa essere di insegnamento alle future generazioni.>> ci dice Francesco Veronico.
Si è avviato il tesseramento (aperto a tutte le fasce d’età) il 5 maggio, per l’occasione è stato creato il nuovo logo dal grafico Francesco Santamato. I prossimi progetti dell’associazione sono senza ombra di dubbio un grande evento estivo, il ”Premio Pugliese dell’anno” ex premio Troisi, che quest’anno andrà ad un grande attore nazionale. <<L’evento si terrà a Triggiano in estate, non possiamo svelare troppo, ma ci saranno delle bellissime sorprese!>> ci svelano Francesco e Piero. Oltre questo ci si prepara per la nuova sitcom web parodia, che per la prima volta sarà presentata dall’associazione.

Redazione

Lsd sta per Last smart day, ovvero ultimo giorno intelligente, ultima speranza di una fuga da una cultura ormai completamente omologata, massificata, banalizzata. Il riferimento all'acido lisergico del nostro padre spirituale, Albert Hofmann, non è casuale, anzi tutto parte di lì perché LSDmagazine si propone come cura culturale per menti deviate dalla televisione e dalla pubblicità. Nel concreto il quotidiano diretto da Michele Traversa si offre anzitutto come enorme contenitore dell'espressività di chiunque voglia far sentire la propria opinione o menzionare fatti e notizie al di fuori dei canonici mezzi di comunicazione. Lsd pone la sua attenzione su ciò che solletica l'interesse dei suoi scrittori, indipendente dal fatto che quanto scritto sia popolare o meno, perciò riflette un sentire libero e sincero, assolutamente non vincolato e mosso dalla sola curiosità (o passione) dei suoi collaboratori. In conseguenza di ciò, hanno spazio molteplici interviste condotte a personaggi di sicuro spessore ma che non trovano spazio nei salotti televisivi, recensioni di gruppi musicali, dischi e libri non riconosciuti come best sellers, cronache e resoconti di sport minori, fatti ed iniziative locali che solitamente non hanno il risalto che meritano. Ma Lsd è anche fuga dal quotidiano, i vari resoconti dai luoghi più suggestivi del pianeta rendono il nostro magazine punto di riferimento per odeporici lettori.