Tempo di lettura: 3 minuti

La proposta di Calenda, la ratifica del comitato promotore nazionale di Azione ed infine un nuovo grande inizio per la Puglia e per tutto il paese.
Adesso è ufficiale: il deputato alla Camera di Azione, Nunzio Angiola, sarà il responsabile e delegato nazionale del partito per le “Aree interne e piccoli comuni”.
I piccoli comuni, spesso soggetti ad un esodo di massa soprattutto delle fasce d’età più giovani e spesso annichiliti da un costante spopolamento, hanno sofferto in maniera netta gli effetti della pandemia. Spesso sono aree impervie ed individuate in base alla netta distanza dai centri che offrono servizi fondamentali: tra cui sanità, mobilità, connettività ed istruzione.
Ciò che rende una priorità assoluta la riqualificazione e la tutela delle aree interne e quelle dei piccoli comuni è che rappresentano ben oltre il 70% delle realtà comunali della nostra penisola, e spesso seppur dimenticate e trascurate, rappresentano il fulcro di antiche tradizioni, usi, costumi e culture da preservare e tramandare, facendo parte di un’essenza passata, dai toni a tratti malinconici e pittoreschi, necessaria per imbastire un futuro di consapevolezza e memoria culturale del paese.
I piccoli comuni italiani, caratterizzati dalle rispettive e suggestive storie, opere architettoniche,specificità e peculiarità, necessitano di un’opera urgente di ripopolamento e valorizzazione, mantenendo intatto il loro fascino, poiché sono sinonimo di impulso ed attrattiva turistica per coloro che amano le bellezze più recondite dell’Italia.
Una notizia, condivisa anche sui social dallo stesso Angiola, che conferma l’ottimo operato dell’Onorevole nel suo comitato di appartenenza e di cui è diretto promotore.
In Puglia, il partito Azione viaggia a ritmi elevati ed è sinonimo di grande dinamismo politico.
Da “Puglia in Azione” ramificandosi e radicandosi sul territorio, il partito di Carlo Calenda ha visto nascere in numerosi comuni e luoghi di interesse storico pugliesi, un proprio comitato.
l’Onorevole Angiola è stato il diretto promotore della formazione stessa e dell’evoluzione dei numerosi gruppi di azionisti che aspirano a riportare al centro del dibattito pubblico tematiche fondamentali come sanità, istruzione, meritocrazia e cultura politica aderendo ai diversi tavoli tematici regionali e provinciali, fucine di confronto e dibattito, a cui partecipa attivamente anche lo stesso Onorevole.
Tutti cardini sui cui si modella il pensiero politico di Azione, partito nato per far da contraltare all’incessante ascesa di Sovranismo e Populismo.
All’emittente Antenna Sud, l’Onorevole Angiola ha così commentato la sua nomina:
«Aree interne e piccoli comuni hanno subito nel tempo un pauroso spopolamento e una tremenda desertificazione. Si abbandonano campi, antichi mestieri e saperi nei settori tipici e tradizionali. Si abbandonano case e masserie costruite con grandi sacrifici. I giovani fuggono appena ne hanno la possibilità. Il territorio, senza una cura idonea e una manutenzione appropriata, diventa di giorno in giorno sempre più fragile e vulnerabile, rispetto agli eventi meteorologici o ai sempre presenti interessi speculativi. Per non parlare del fatto che la minore presenza umana stimola gli appetiti delle organizzazioni criminali. Eppure questi luoghi vanno rivalutati e recuperati. I prodotti genuini, il contatto con la natura incontaminata, le tradizioni popolari, la religiosità di un tempo, il mondo a misura d’uomo, sono ricchezze di inesauribile valore che vanno custodite e trasmesse intatte alle future generazioni. Sono le nostre radici, sono i valori che abbiamo ereditato dalla civiltà contadina».
Conclude infine l’Onorevole, rimarcando quanto per Azione valorizzar e rilanciare le bellezze nascoste e spesso dimenticate di questa Italia, sia una priorità.
«Noi di Azione, ci adopereremo ed io personalmente mi adopererò affinché tutto questo diventi possibile, affinché si ridia dignità ai piccoli comuni, affinché preservazione, recupero, valorizzazione e rilancio di questa “Italia minore”, spesso abbandonata, diventino una priorità».

Tra le iniziative d’eccezionale importanza promosse da Azione nelle ultime settimane, merita una menzione speciale l’interrogazione parlamentare presentata il 14 febbraio alla Camera, e che ha avuto esito e riscontro positivo.
Maturata dopo un consulto fra Walter Ricciardi, l’Onorevole Angiola ed il referente di Bari Donato Bonifazi, ha ottenuto un risultato storico, con l’Agenzia Italiana del Farmaco che ha approvato la completa rimborsabilità della terapia genica contro l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA), una rara malattia neuromuscolare infantile.
Il farmaco raro ed oltremodo costoso è ora a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Un impegno di Azione, puntuale e doveroso per i soggetti fragili, a rischio e che maggiormente stanno soffrendo la monopolizzazione dell’attenzione mediatica e del sistema sanitario nazionale a causa della pandemia Covid.

Alarico Lazzaro