Tempo di lettura: 1 minuto

È del 28 settembre il Decreto del Presidente della Repubblica di Abcasia Khadzhimba Raul Dzhumkovich che, su richiesta del Ministro degli Affari Esteri Daur Kove, conferisce lo status di cittadino abcaso all’Ambasciatore a disposizione del Ministero degli Affari Esteri abcaso, Vito Grittani. Non si tratta della consueta cittadinanza onoraria bensì di una vera e propria naturalizzazione del diplomatico italiano, che da anni ha sposato la causa abcasa. Tale sommo riconoscimento è stato corollario dei solenni festeggiamenti tenutisi in Abcasia, in occasione del 25° Anniversario della Vittoria e dell’Indipendenza della Repubblica di Abcasia, in memoria di quel 30 settembre 1993, giorno in cui lo stato abcaso ottenne l’indipendenza. In questa occasione di grande orgoglio, la Repubblica sul Mar Nero ha inteso operare tale importante riconoscimento nei confronti di Vito Grittani, a sottolineare l’importante opera diplomatica profusa, con una particolare attenzione nei progetti di sensibilizzazione della Comunità Internazionale tesi al riconoscimento della Repubblica di Abcasia. Si devono a Vito Grittani innumerevoli iniziative strutturali. Così hanno avuto origine il primo Istituto di Abcaso di Cultura, con sede a Roma, l’associazione “Europa-Abcasia”, fondata da cittadini italiani e abcasi e la registrazione del Club UNESCO dell’Abcasia. All’opera del medesimo diplomatico si deve la fondazione e registrazione in Italia dell’Ufficio della Rappresentanza diplomatica della Repubblica di Abcasia, competente per l’Italia e la “Circoscrizione Europa”, con sede in Bari. Questo fondamentale ufficio ha permesso il coordinamento delle importanti iniziative di sensibilizzazione culturale e diplomatica, che hanno visto anche Bari protagonista.

In foto Vito Grittani e il Presidente della Repubblica di Abcasia  Khadzhimba Raul Dzhumkovich