Tempo di lettura: 2 minuti

"Bollywood"Bollywood sembra non essere più la patria dell’industria cinematografica per famiglie, dal momento che nel 2009 la maggior parte dei film prodotti erano riservati solo agli adulti. Lo scrive il Times of India. Su 248 film prodotti a Mumbai, solo 93 sono stati dichiarati dall’organo di censura indiano, visibili a tutti, bambini compresi; 92 sono stati bollati come visibili da maggiori di 12 anni con supervisione di adulti; 63 sono stati invece dichiarati film solo per adulti.

Ma l’inversione di tendenza rispetto al passato, quando i film per adulti si contavano sulle dita di una mano, non interessa solo Bollywood ma anche le altre industrie cinematografiche indiane. Nel cinema Telugu, dal nome dell’omonima lingua parlata nello stato centro-meridionale dell’Andra Pradesh, il film per adulti sono stati 62 su 286 (140 film per famiglie e 84 vietati ai minori di 12 anni). I tamil hanno prodotto 37 film per adulti, il cinema Kannada (dello stato meridionale del KJarnataka) ne ha prodotti 21 mentre il cinema Malayalam (dello stato meridionale del Kerala) quest’anno ne ha prodotti 13. In tutti e quattro i casi, però, a differenza di Bollywood, la percentuale dei film per adulti è di molto inferiore al totale dei film prodotti e visibili da tutti.

Il Censor Board of Film, l’organo governativo che decide la censura per i film indiani, ha riscontrato un aumento considerevole dei film per adulti fra quelli di Bollywood. A far aumentare il loro numero, la presenza nei film di maggiori scene di sesso e di violenza, oltre all’uso di un linguaggio forte. Ma le polemiche intorno alla certificazione montano in maniera forte. Secondo i produttori e i registi l’organo di censura esagera con i suoi giudizi, non considerando i cambi e l’evoluzione della società.

Per i registi e produttori, è necessaria una revisione del regolamento di censura che tenga conto dei cambiamenti della società. Questa revisione dovrebbe infatti considerare il fatto che quasi 6 milioni di indiani sono sotto i 25 anni e sono molto diversi da quelli per i quali venne scritto il regolamento del Censor Board. E, il vecchio regolamento, non permette al cinema indiano di mettersi al pari con quello straniero. In quello di Bollywood, infatti, anche un bacio può far propendere il Board per decretare il film come «per adulti», mentre in nessun film, neanche in quelli vietati ai minori, c’è un nudo anche solo parziale. Per questi esiste il sottobosco dei film Blue Movie, venduti illegalmente nei mercati indiani. Le critiche dei registi nascono soprattutto dal fatto che, tramite internet, i ragazzi oggi possono accedere a siti porno senza problemi e, secondo le ultime statistiche, proprio gli indiani sono fra i magiori fruitori al mondo di pornografia su internet a tutte le età, ma sopratutto fra adolescenti.

Stando ai dati dell’industria cinematografica indiana, il 70% dei film stranieri riceve una «A», simbolo di film destinato ad un pubblico adulto. Emblematico il caso del film vincitore di otto premi Oscar «Slumdog Millionnaire» (Il Milionario), la cui versione inglese è stata bollata con una A dal Censor Board mentre la versione in hindi è stata giudicata con minore severità.