English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Quindi anni dalla morte di Massimo Troisi, una mancanza per il patrimonio italiano

7 Giu 2009 | Nessun Commento | 3.609 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Massimo TroisiQuindici anni fa si spegneva Massimo Troisi, il comico nato a San Giorgio a Cremano (Napoli) e prematuramente scomparso il 4 giugno del 1994. E oggi i familiari dell’attore si sono riuniti nella chiesa di Sant’Anna del centro vesuviano per una commemorazione privata.

«Mi piace pensare che oggi il regalo più bello a Massimo l’abbia fatto, ovviamente in maniera involontaria, il presidente Obama – ha detto Rosaria Troisi, sorella dell’attore – nel discorso che l’altro giorno ha tenuto al Cairo, infatti, si è rivolto ai giovani, senza distinzioni di paese e di razza. E ciò a Massimo sarebbe piaciuto tanto perché lui aveva ampi orizzonti».
La Troisi racconta che sono tante le persone che ogni giorno ricordano Massimo. Tanti sconosciuti che nelle lettere o al telefono le lasciano pensieri o frasi dedicate al fratello.

«Nei prossimi 15 anni vorrei che Massimo venisse ricordato per il suo spessore di uomo – aggiunge – Spero che il suo pensiero non resti circoscritto all’area geografica, ma si allarghi al mondo» conclude la Troisi.

Intanto il suo amico di infanzia, Alfredo Cozzolino, annuncia di voler allestire una mostra a Firenze per ricordare Massimo. E Andrea Muzzi, presidente della Scuola nazionale di comicità Massimo Troisi di Firenze, spiega: «L’antologica, organizzata in collaborazione con la Scuola, dovrebbe essere inserita all’interno della manifestazione ‘Estate fiorentina di luglio».

Muzzi, inoltre, fa sapere che tra gli ospiti invitati ci sarà Raffaele Meneruso, nipote e produttore esecutivo di molti film di Massimo, chiamato a tratteggiare un profilo insolito del comico di San Giorgio a Cremano: il Troisi imprenditore che all’apice del suo successo decise di impegnarsi anche come produttore per lanciare giovani talenti. Invitati, naturalmente, anche Enzo Decaro e Lello Arena, storici compagni di lavoro di Troisi.
Centro della mostra dovrebbe essere la raccolta di cimeli di Cozzolino. L’amico di infanzia dell’artista sangiorgese custodisce attrezzi di scena, costumi, quinte sceniche, locandine dei film, fotografie, costumi. Tra i reperti ci sono anche le orecchie del ‘minollò fatte con i fogli di giornale nel celebre sketch della Smorfia e la giacca che Massimo indossò nell’ultimo film ‘Il postino.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie