Tempo di lettura: 2 minuti

Dieci partner e venticinque cantine per due serate interamente dedicate alla promozione e alla valorizzazione del vino Primitivo DOP di Gioia del Colle. È in arrivo la terza edizione de “I Calici di San Martino” che, quest’anno, sarà riproposta in versione natalizia venerdì 1 e sabato 2 dicembre (ore 19:00) nei vicoli del centro storico.
La manifestazione, organizzata dal comune di Gioia del Colle in collaborazione con il Consorzio Vini Dop Gioia del Colle, l’Ais Puglia, la Coldiretti, l’Uci, il presidio Slow Food, il Comitato Centro Storico Gioia del Colle e le associazioni “I Bisbiglii dell’Anima” e “Palio delle Botti Gioia del Colle”, si articolerà sul classico percorso che, partendo da via Carlo III di Borbone, abbraccerà via Piottola, via Giuseppe Barba, via Concezione e via Michele Petrera.
La magica atmosfera del Natale, creata per l’occasione con addobbi, luci e le melodie swing delle band che si esibiranno dal vivo, avvolgerà i visitatori nell’esperienza di degustazione delle eccellenze enogastronomiche gioiesi tra i punti ristoro e gli stand delle numerose aziende vitivinicole aderenti all’iniziativa.
Non mancheranno, infine, gli spettacoli degli artisti di strada con la partecipazione della Compagnia dei Birbanti, il mercatino dell’artigianato e il banchetto informativo dell’associazione Plastic Free che, sabato 2 dicembre, sarà presente all’evento con i suoi volontari per svolgere attività di sensibilizzazione contro il fenomeno dell’abbandono dei mozziconi di sigaretta nell’ambiente.
Sempre sabato 2, nella sala Javarone di Palazzo san Domenico, alle ore 18:00 si terrà il convegno dal titolo “Primitivo di Gioia del Colle: l’identità è opportunità di sviluppo”.
Il dibattito sul tema, moderato dal presidente dell’Associazione Giornalisti Agroalimentare Puglia Michele Peragine, coinvolgerà il sindaco Giovanni Mastrangelo, l’assessore alla Cultura e al Turismo Lucio Romano, il presidente del Consorzio Vini Dop Gioia del Colle Nicola Chiaromonte, il delegato AIS Murgia Enzo Carrasso, il segretario Slow Food Puglia Salvatore Pulimeno, il coordinatore Uci Puglia Vito Laterza, il presidente della sezione Coldiretti Gioia del Colle Nicola D’Onghia, il presidente dell’associazione Palio delle Botti Gioia del Colle Claudio Santorelli e il dirigente CREA-VE Gianni Masi.
La terza edizione dei Calici di San Martino, realizzata con il contributo della Regione Puglia – Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale e Ambientale, sarà seguita in diretta da Teleregione (media partner dell’evento) e supportata dal Gruppo comunale Volontari di Protezione Civile, dalla Croce Rossa Italiana – Comitato di Gioia del Colle e dalle associazioni Gioia Soccorso e Pubblica Assistenza Gioiese.
Siamo lieti di accogliere nella nostra città ben venticinque case vinicole del Consorzio Vini DOP di Gioia del Colle – dichiara l’assessore alla Cultura e al Turismo Lucio Romano –. Oltre a rappresentare una bellissima occasione per dare il via alla serie di eventi che vivremo insieme durante le festività natalizie, la terza edizione de “I Calici di San Martino” ci vedrà uniti, ancora una volta, nella promozione e nella valorizzazione di una delle eccellenze del nostro territorio, il vino Primitivo DOP. Ringrazio tutti gli imprenditori vitivinicoli e i partner che, con la loro adesione piena di entusiasmo, hanno supportato tanto l’Amministrazione comunale nell’organizzazione di questa manifestazione”.

Redazione

Lsd sta per Last smart day, ovvero ultimo giorno intelligente, ultima speranza di una fuga da una cultura ormai completamente omologata, massificata, banalizzata. Il riferimento all'acido lisergico del nostro padre spirituale, Albert Hofmann, non è casuale, anzi tutto parte di lì perché LSDmagazine si propone come cura culturale per menti deviate dalla televisione e dalla pubblicità. Nel concreto il quotidiano diretto da Michele Traversa si offre anzitutto come enorme contenitore dell'espressività di chiunque voglia far sentire la propria opinione o menzionare fatti e notizie al di fuori dei canonici mezzi di comunicazione. Lsd pone la sua attenzione su ciò che solletica l'interesse dei suoi scrittori, indipendente dal fatto che quanto scritto sia popolare o meno, perciò riflette un sentire libero e sincero, assolutamente non vincolato e mosso dalla sola curiosità (o passione) dei suoi collaboratori. In conseguenza di ciò, hanno spazio molteplici interviste condotte a personaggi di sicuro spessore ma che non trovano spazio nei salotti televisivi, recensioni di gruppi musicali, dischi e libri non riconosciuti come best sellers, cronache e resoconti di sport minori, fatti ed iniziative locali che solitamente non hanno il risalto che meritano. Ma Lsd è anche fuga dal quotidiano, i vari resoconti dai luoghi più suggestivi del pianeta rendono il nostro magazine punto di riferimento per odeporici lettori.