Tempo di lettura: 1 minuto

Le salsicce bratwurst sono state il simbolo della Germania. Secondo le statistiche dell’Associazione tedesca dei macellai, i tedeschi ne consumano ogni anno l’equivalente di circa tre quintali a persona. Eppure in realtà non hanno avuto origine in Germania. Ma mentre gli antichi greci possono avere salsicce grigliate su carbone incandescente, sono stati i tedeschi ad adottare la salsiccia come parte commestibile del loro patrimonio culturale.

Le salsicce bratwurst della Turingia e di Norimberga hanno uno status di indicazione geografica protetta, mentre la take di Coburgo è rinomata a se stessa. Senza dimenticare l’Assia, dove ci sono molte gustose ricette da est a ovest. La parola “Bratwurst” è stata persino assimilata nella lingua inglese (anche se la pronuncia potrebbe non essere esattamente la stessa). “La salsiccia Bratwurst è la nostra specialità di punta e ne siamo noti in tutto il mondo” – questo è qualcosa di cui sono fiduciosi al primo Museo tedesco Bratwurst a Mühlhausen, in Turingia.

Una salsiccia Bratwurst standard sarà solitamente lunga circa 20 centimetri, ma si dice che un macellaio a Norimberga ne abbia creato uno super lunga che misura 39 metri nel 1591. Il record attuale, tuttavia, è stato stabilito nel 1999, quando una squadra di macellai a Landshut ha combinato carne di salsiccia di 30 maiali in un fienile che era stato trasformato per l’occasione. I dati del museo ci dicono che la salsiccia ha finito per vantare una lunghezza di 5.888 metri.