Tempo di lettura: 2 minuti

"WindowsL’agenzia Reuters ha annuncito che Microsoft sarebbe sul punto di distribuire un nuovo antivirus. Un portavoce dell’editore riportava mercoledì scorso che il software era attualmente in corso di valutazione presso i dipendenti della ditta. Nessuna data è stata annunciata, ma si ha la notizia che Microsoft dovrebbe prossimamente mettere in teletrasmissione una versione beta nel suo sito ufficiale.
Nel novembre 2008, Microsoft aveva annunciato la fine della commercializzazione di Windows Live OneCare, che non ha mai conosciuto successi commerciali, al 30 giugno prossimo, assicurando però gli attuali utenti che continueranno a beneficiare degli aggiornamenti del prodotto fino alla fine della loro licenza anche al di là della fine di giugno. E questo lascia supporre un passaggio al nuovo prodotto alla fine del mese.
L‘antivirus in questione ha per nome di codice Morro e molti esperti affermano che potrebbe generare nel lungo termine un rallentamento dei ricavi di Symantec e McAfee. Microsoft aveva annunciato che Morro sarebbe in grado di proteggere gli utenti contro molti tipi di minacce: virus, spyware, rootkits e cavalli di Troia. Dalla loro parte, gli editori Symantec e McAfee non mostrano alcuna preoccupazione: “ La soluzione gratuita di Microsoft non è nulla di più un restyling di OneCare ” afferma Janice Chaffin, presidente di Symantec Consumer. Da McAfee il portavoce Joris Evers dichiara “ Confidiamo nella nostra capacità di fare concorrenza a qualsiasi prodotto esistente sul mercato, attuale e futuro. ”
Il nuovo bambino di Microsoft sarà disponibile in versione standard per Windows XP, Vista e per il prossimo sistema operativo, Windows 7, previsto per l’inizio del 2010. Questo nuovo prodotto dovrebbero interessare anche i paesi emergenti. “ L’abbonamento a numerosi antivirus si affidano attualmente ad una sottoscrizione annuale che richiede il possesso di una carta di credito per gli aggiornamenti, spiega Amy Barzdukas, Responsabile di Windows Live OneCare. Dato che numerosi consumatori su mercati particolari come il Brasile, l’India o la Cina, non hanno accesso a questi mezzi di pagamento, si rivela difficile rassicurare e mantenere un livello di tutela elevato contro i malwares. „