Tempo di lettura: 2 minuti

"polepnazze"
Tempo di grandi anniversari per uno degli appuntamenti enogastronomici in assoluto più amati del panorama lombardo: dal 29 maggio al 2 giugno 2009 torna infatti in scena la Fiera del vino Garda Classico Doc di Polpenazze del Garda (Bs), appuntamento ormai storico che quest´anno taglia il traguardo della sessantesima edizione. La grande vetrina della produzione vitivinicola della riviera bresciana del lago di Garda, che dal 2006 è sede ufficiale del concorso enologico nazionale della Doc Garda Classico istituito dal Ministero per le Politiche Agricole, si configurerà come un vero e proprio circuito del gusto, articolato in due itinerari trasversali a pagamento che consentiranno di approfondire la conoscenza dei vini in abbinamento ai sapori del territorio.

"Questa edizione ha per il nostro comune una valenza molto importante – spiega il presidente della Fiera, nonché sindaco di Polpenazze Giuseppe Turrina-. Per questo abbiamo deciso che la Fiera quest´anno durerà un giorno in più rispetto alla formula tradizionale, approfittando del ponte del 2 giugno che sicuramente attirerà sul lago molti turisti e visitatori. Per tutti loro, la Fiera sarà l´occasione ideale per conoscere ed approfondire la conoscenza dei sapori del territorio attraverso l’esperienza sensoriale diretta". Il cartellone ripropone una formula ormai consolidata, ma non senza novità. L´accesso in Fiera, nel centro storico medievale di Polpenazze, sarà libero, mentre le degustazioni, a pagamento, saranno regolate dall’acquisto di un ticket da 10 euro comprendente il bicchiere Garda Classico con apposita sacca e l´assaggio di cinque vini Doc a scelta fra quelli proposti dalle 21 cantine presenti in Fiera con proprio stand. A questo percorso sarà possibile incrociare quello dei sapori, dove con un ulteriore ticket a 5 euro si avrà diritto a quattro degustazioni di prodotti tipici del territorio: dall´olio di oliva extravergine ai formaggi, dalla Polenta del Garda ai salumi per finire con dolci e "agrigelati" di fattoria.

Questi due percorsi incroceranno anche la Piazzetta del Biologico, uno spazio dedicato ai sempre più numerosi produttori che hanno scelto il bio come alternativa in una terra dove è già biologico il 25% del vigneto iscritto all´albo. In cartellone anche La Corte degli Assaggi, che ospiterà degustazioni guidate e comparate oltre all´esposizione degli extravergini della dop Garda, e la Dispensa del Gusto, che torna in centro storico e dove si servirà il tradizionale spiedo bresciano. Per quanto concerne il Concorso Enologico, i vini ammessi quest´anno sono 73, mentre sono sedici i frantoi che partecipano alla competizione dedicata agli extravergini Garda Dop. Non mancherà infine, come sempre, il Palio del Salame "doc" dedicato alle "creazioni" dei numerosi norcini della Valtènesi.

Lunedì 1, a Villa Avanzi, banco d´assaggio delle etichette vincitrici del Concorso Enologico, quelle che, dopo le degustazioni delle Commissioni cui prenderanno parte anche esperti del Ministero, avranno ottenuto la qualifica di "Vino Eccellente". Quest´ultimo appuntamento avrà come coronamento l´assegnazione della terza edizione del premio giornalistico dedicato agli operatori dell´informazione e avente come simbolo il "torcol", ovvero il torchio di antica tradizione gardesana. La terza edizione verrà quest´anno assegnata a Renato Andreolassi di Raitre, la voce bresciana del mitico Gazzettino Padano, a coronamento di un talk-show dedicato al rapporto tra ristorazione gardesana e territorio.