Tempo di lettura: 2 minuti

"CostantinHa preso il via ieri a Lecce, fino al 5 aprile, la decima edizione del Festival del Cinema Europeo che ha in concorso dieci lungometraggi provenienti da dieci Paesi diversi.
Il palinsesto del Festival – organizzato dall’Associazione Culturale Art promotion e diretto da Cristina Soldano e Alberto La Monica – ha come protagonisti il regista Ferzan Ozpetek, che inaugura la manifestazione con la retrospettiva delle sue opere, e il premio Oscar Costantin Costa Gavras che chiude la manifestazione con Riccardo Scamarcio, interprete principale del suo ultimo film ‘Verso l’Eden’.

Al regista greco il Festival, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino, dedica una retrospettiva e il convegno Il cinema di Costa Gavras (sabato 4 aprile). Dal 7 al 14 aprile la retrospettiva sarà proposta anche al Cinema Massimo di Torino. Il Festival proporrà inoltre omaggi a Margherita Buy, con una rassegna, una mostra di fotografie, e la presentazione della prima monografia critica sull’attrice, e a Michelangelo Antonioni con la mostra I silenzi di Michelangelo. Molti gli eventi speciali della sezione Puglia Show: tra questi la proiezione, alla presenza degli autori, di Il miracolo di Sant’ Oronzo di Luca Verdone e Il primo anniversario di Edoardo Winspeare.
"FerzanPer il Concorso lungometraggi europei sono presentati a Lecce in anteprima nazionale dieci film, provenienti da tutta Europa che concorrono al Premio Ulivo d’oro. Rappresenta l’Italia In carne ed ossa di Christian Angeli, con Alba Rohrwacher. Tra le anteprime nazionali, l’ultima opera di Tonino Zangardi Sandrine nella pioggia interpretato da Adriano Giannini, Monica Guerritore, Alessandro Haber, Sara Forestier, Goya Toledo, e Sbirri di Roberto Burchielli con Raoul Bova. Il Festival ospita, inoltre, un convegno sul Rapporto tra distribuzione ed esercizio, organizzato dall’Apulia film commission.
Prevista nel corso del Festival anche la sezione Puglia show, cortometraggi di giovani registi pugliesi. Il programma si articola poi attorno al Concorso di lungometraggi europei in anteprima nazionale e ad alcune sezioni speciali, volte a delineare figure significative della cinematografia italiana ed europea. Le altre rassegne, tra cortometraggi e documentari, rappresentano un percorso ancora più specifico di ricerca di nuovi temi e nuovi linguaggi audiovisivi.