Tempo di lettura: 2 minuti

"AlbaE’ Alba Rohrwacher, attrice prediletta di molto del miglior cinema italiano delle ultime stagioni, da Silvio Soldini ad Anna Negri, la ‘shooting star’ italiana che sarà festeggiata domani sera, insieme a nove colleghi di tutta Europa sul palco della Berlinale. L’iniziativa, organizzata come ogni anno dalla European Film Promotion, in collaborazione con le agenzie nazionali come Filmitalia, propone alla ribalta mediatica gli interpreti emergenti di un cinema europeo che risale sempre più con convinzione la china del glamour e della professionalità anche sul fronte delle star. «So già, dopo appena una giornata – dice Alba Rohrwacher – che tornerò in Italia con la voglia di misurarmi su un set con alcuni dei colleghi e amici che qui ho in incontrato. Mi piace pensare ad un cinema italiano proiettato sulla scala europea, capace di mettere a frutto le esperienze, tanto diverse, di noi attori nei propri contesti nazionali. Oggi abbiamo avuto una giornata di incontri massacranti ma bellissima, fra noi e con gli agenti di attori di tutta Europea. È una bella sfida, ma anche l’occasione di conoscere percorsi formativi e di lavoro molto diversi. Per esempio ho incontrato un’attrice che sta davanti alla macchina da presa da quando aveva sei anni, un’altra che invece debutta al cinema dopo moltissimo teatro e io ho potuto portare l’esperienza di chi ha seguito i corsi del Centro Nazionale di Cinematografia, un luogo d’eccellenza che dovrebbe avere più risalto e più attenzione anche da parte della produzione italiana». Protagonista di ‘Riprendimi, la commedia di Anna Negri vincitrice un "Berlinale"anno fa al Sundance, di ‘Ad di là delle nuvole, di Silvio Soldini, Alba annuncia che a marzo troverà proprio Soldini sul set del suo nuovo film. «Non posso ancora parlare del mio personaggio – dice – ma è un vero onore per me essere stata cercata nuovamente da un regista che stimo molto e da una persona formidabile come Soldini». Il programma dell’iniziativa ‘shooting star’ prevede per Alba Rohrwacher domani una conferenza stampa davanti alle maggiori testate giornalistiche di tutto il mondo e un’immersione nel «talent campus» del Festival, a contatto diretto con giovani aspiranti registi selezionati per questa occasione. Domani sera infine il bagno di folla della serata di gala e la presentazione al pubblico con la consegna di un piccolo orso d’oro da parte del direttore del Festival, Pieter Kosslick.