English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
A Londra da “Caterina 55” per gustare la cucina italiana: nuovo tempio dell’italian food fast & bio

23 Mar 2015 | Nessun Commento | 926 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

cat55_lsdIn una Londra dove i ristoranti italiani non si contano più e sono considerati i più trendy in assoluto (nei migliori è impossibile prenotare un tavolo se non almeno una settimana prima), arriva anche un fast food tricolore completamente bio. Si chiama “Caterina 55“, è nel cuore della City, e come da McDonald’s si ordina alle casse e dopo tre minuti arriva una lasagna al pesto genovese o alla bolognese, una zuppa di ceci, un minestrone o una fetta di torta appena sfornata, ma anche un trancio di pizza alla pala, come quella che si trova nelle pizzerie a taglio romane. Tutto da mangiare sui tavoli interni o portar via e fatto con ingredienti freschi, bio e per la maggior parte provenienti direttamente dall’Italia. A due passi dalla stazione di Liverpool Street, il fast food ha aperto l’estate scorsa, rende il 10 per cento in più ogni mese servendo 350 ordinazioni ogni giorno e lo staff (età media 24 anni) è quasi completamente italiano: dal macellaio sardo al kitchen manager napoletano. O il general manager, Simone Moroni, di Lariano(Roma) che, malgrado abbia solo 29 anni, è il più anziano della squadra. Il locale, al piano terra di un enorme palazzo di vetro sede di banche e finanziarie, è letteralmente un porto di mare: non solo di uomini e donne in scuro, ma anche di residenti del Barbican, il vicino complesso residenziale della City. “Vengono qui perchè vogliono cose fresche ed italiane da mangiare velocemente o da portare via. E sanno che qui le trovano”, racconta Moroni, arrivato a Londra quattro anni fa dopo aver fatto a Roma il direttore commerciale e che nella capitale britannica è passato in pochissimo da cameriere a general manager. E che non dimentica l’Italia: “Con quello che ho guadagnato ho comprato un forno a Velletri, ci lavora la mia mamma. – racconta, rilevando – In Italia una volta pagate le tasse si galleggia, qui invece si guadagna. In Italia stavo bene – dice – ma non mi piaceva più il sistema. Qui ci sono le opportunità. Non mi sono ghettizzato e i risultati sono arrivati. Anche grazie al nostro tiramisù ed ai bignè”.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie