English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
‘Vinci con Noi’ presenta ‘Mica scemo’ tra cinema e inclusione sociale. L’autismo e le barriere da abbattere.

15 Mag 2019 | Nessun Commento | 427 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email
Mingo De Pasquale interpreta Pin nello spot ‘Mica scemo’

“Superare i pregiudizi, questo è fondamentale. Perché l’autismo non un tema individuale ma coinvolge l’interna comunità, perché si deve crescere insieme”. Queste le parole del Sindaco di Bari, Antonio Decaro, rivolte al pubblico presente, stamane al Cineporto del capoluogo pugliese, per il progetto MICA SCEMO, tra cinema e inclusione sociale delle persone con autismo.
Presenti alla conferenza stampa, insieme al sindaco, anche la vice-presidente dell’associazione Vinci con Noi promotrice del progetto, Stefania D’Elia, l’autore dello spot Antonio Palumbo e il suo protagonista Mingo De Pasquale. Tutti uniti per dar voce ad una vera e propria rivoluzione culturale attraverso la diffusione di conoscenza e consapevolezza sull’autismo, eliminando pregiudizi e diffidenze. Per questo motivo è stato presentato il progetto “Mica Scemo” che è anche il titolo dello spot di sensibilizzazione, scritto e diretto dal regista Antonio Palumbo, su idea di Mingo De Pasquale e Stefania D’Elia, nel quale, in due minuti, si racconta con delicatezza e semplicità lo stereotipo del giudizio e della superficialità che impedisce, spesso, di conoscere l’autismo. E’ la storia del cinquantenne Pin, affetto da autismo, che viene erroneamente considerato una persona malata e sgradevole. L’uomo, però, grazie ad un gesto altruistico riesce a rovesciare la situazione, catalizzando su di sé consenso e simpatia tra stupore ed incredulità.
Lo spot rappresenta solo il primo tassello di un progetto più ampio che porterà alla realizzazione di un film incentrato sull’inserimento sociale della persona con autismo e della strutturazione di un percorso di vita dignitoso ed equilibrato anche in assenza di una famiglia che se ne prenda cura.
Il progetto fortemente voluto e sostenuto dall’associazione “Vinci Con Noi” si va ad inserire in una lunga e strutturata attività della stessa che, da nove anni, è impegnata nel realizzare percorsi ludico-sportivi nel nuoto, nel calcio e nella danza per persone con diagnosi di autismo o di disabilità intellettivo-relazionale dai 3 ai 40 anni.
Tante le famiglie coinvolte e tanti i ragazzi e gli adulti che in questi anni hanno potuto incontrarsi grazie al lavoro di ‘Vinci con Noi’ e delle associazioni che si muovono per abbattere i pregiudizi legati all’autismo.
“Il Comune -ha continuato Decaro- cerca di accompagnare le associazioni che fanno un lavoro straordinario nella nostra città. Oggi c’è stata la presentazione di uno spot che spero sia il preludio a un lungometraggio. Ci hanno lavorato tanto e ringrazio l’associazione Vinci con noi e ringrazio Mingo per quello che hanno fatto in questi mesi di preparazione allo spot. Attraverso lo spot, attraverso la comunicazione, riusciamo a far conoscere questo tema, il tema dell’autismo e anche magari a combattere alcuni preconcetti”.

Il nome dell’associazione, fondata dai genitori del piccolo Vincenzo Dicillo, oggi 13enne, si incentra sulla metafora della “vittoria” in riferimento non alla possibilità di annullare i segni del disturbo autistico sulle persone, cosa non realizzabile – non essendone note le cause certe non si può individuarne una cura definitiva – ma al desiderio di rompere le barriere sociali che impediscono integrazione e inclusione.
Un’inclusione che va costruita e alla quale tutti devono prendere parte per abbattere quelle barriere che ancora esistono. Per questo è importante affidare, non solo alle istituzioni, ai cittadini e alle famiglie, ma anche al cinema e all’arte la possibilità di sfondare quelle barriere.
“Il mio lavoro con l’associazione Vinci con noi -ha affermato Mingo- è durato un anno e mezzo; un tempo in cui ho osservato, frequentato, conosciuto e amato questo mondo dell’autismo grazie alla vice-presidentessa Stefania D’Elia. Il mio occhio artistico prevaricava qualunque cosa e mi ritrovavo a casa a rifare quei gesti, quelle piccole ma tanto intense azioni tipiche degli autistici e di lì poi è nata l’idea di portare avanti insieme all’associazione un progetto cinematografico in favore degli autistici adulti. E poi ho coinvolto il mio amico regista Antonio Palumbo che ha sposato il progetto con grande entusiasmo. All’inizio ero spaventato; si sa, ciò che non si conosce allontana, ed è per questo che invece ho deciso di usare il sorriso, perché il sorriso avvicina e unisce e quello degli autistici è un meraviglioso mondo tutto da scoprire”.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie