English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Victor Glushkov, il genio sovietico che anticipò di dodici anni l’era internet e il futuro del mondo

27 Ott 2020 | Nessun Commento | 181 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email
Victor Glushkov

Oggi è naturale considerare le tecnologie informatiche come un prodotto del capitalismo: nell’URSS degli anni ’60, invece, alcuni scienziati e ingegneri vedevano i computer come “macchine del comunismo” e presentavano la loro visione di una rete globale di informazione. Ecco la loro visione alternativa del futuro, a partire dall’internet in salsa sovietica.

Penso a come il lavoro di Victor Glushkov avrebbe potuto cambiare il corso della storia. Per cosa avrebbero usato la nuova tecnologia il Partito Comunista e l’esercito sovietico? L’Internet sovietico avrebbe creato una forma di tirannia digitale? Avendo una propria Internet, come avrebbe reagito il futuro sovietico al calo dei prezzi del petrolio, alla Perestrojka e alla Glasnost? E come avrebbe guardato Cybertonia (poi vi dico cos’è), pardon, l’URSS all’inizio del 1991? Come si sarebbe svolta la Guerra Fredda se Internet come lo conosciamo fosse stato rivaleggiato da un’alternativa sovietica sin dagli anni ’60?

L’URSS non è stato l’unico paese ad esplorare la possibilità di un “cyber socialismo”. Nel 1970, con Salvador Allende, il governo cileno commissionò all’esperto inglese Stafford Beer lo sviluppo di un sistema informatico noto come Project Cybersyn. Una visione poi abbandonata a causa del violento colpo di stato militare guidato da Agusto Pinochet, che smantellò tutto il progetto.

In Unione Sovietica fu il boom economico nei primi anni ’60 che portò alla nascita dell’idea di comunismo sovietico dal volto elettronico. L’economia in continua crescita era ora più difficile da gestire e le enormi quantità di dati che generava erano difficili da elaborare. Fu chiaro che i compiti della pubblica amministrazione dovevano essere facilitati con computer e sistemi di controllo industriale già ampiamente in uso in chiave militare.

Glushkov era un matematico visionario e direttore dell’Istituto di cibernetica dell’Accademia delle scienze ucraina. È lui ad aver guidato gli sforzi sovietici per affrontare l’incombente stagnazione economica. Grazie a lui, il paese ha visto l’emergere di nuovi istituti e dipartimenti specializzati all’interno delle principali università, tutti accomunati da un unico obiettivo: formare nuovi specialisti informatici. Dalla sua mente è nata una sorta di versione embrionale in salsa sovietica della Silicon Valley.

Mentre gli stalinisti si opponevano alla cibernetica, pensando che fosse pseudoscienza borghese, cibernetici come Victor Glushkov salirono alla ribalta negli anni ’60 quando le crescenti richieste burocratiche dell’economia pianificata centralmente minacciavano di trasformare l’Unione in uno stato amministrativo assurdo.

Il progetto, tuttavia, non ha mai ricevuto il sostegno del leader sovietico Nikita Khrushchev.

Tre anni dopo, nel 1962, Glushkov aggiustò il tiro. Propose la creazione del Sistema Nazionale Automatizzato per l’Elaborazione di Calcoli e Informazioni. Praticamente Internet. Glushkov immaginava migliaia di computer locali collegati tra loro tramite un server regionale. La rete sarebbe stata poi sincronizzata a livello nazionale e collegata al principale centro di calcolo di Mosca. L’idea principale alla base del progetto era quella di rendere il processo decisionale manageriale meno parziale e di migliorare notevolmente industria ed efficienza dei trasporti.

Fallì perché era uno strumento, e come tale dipendeva da chi intendeva usarlo. Tra le mani del governo, per esempio, ha finito per essere da veicolo di riforma a pilastro dello status quo. Nel 1970 l’interesse per la rete informatica nazionale venne meno.

Glushkov non si limitò solo a “disegnare” internet con 12 anni di anticipo sul web americano (e 7 su Arpanet, il suo progenitore). Ragionò anche su molte altre cose, arrivando a prevedere molto del futuro che sarebbe arrivato di lì a poco. Pensate: Glushkov studiò e teorizzò televisori futuri molto simili a quelli attuali. Ragionò di telefoni multifunzione, lavatrici programmabili, documenti e corrispondenza senza carta, giochi per computer. Immaginò un tipo di programmazione basata sul linguaggio (il prototipo di assistenti personali come Siri o Alexa), teorizzò riviste e giornali elettronici, e persino una criptomoneta (un progetto di valuta elettronica sovietica fu proposto dal team di Glushkov sempre nel 1962).

Nel suo Fondamenti di Informatica senza carta, pubblicato postumo, scrisse una previsione visionaria: “Presto non ci saranno più abbastanza libri di carta, giornali e riviste. Ogni persona avrà un notebook elettronico, una combinazione di uno schermo piatto e un mini trasmettitore radio. Non importa dove ti trovi nel mondo, se digiti un codice specifico nel taccuino, sarai in grado di evocare testi e immagini da giganteschi database remoti. Questo sostituirà per sempre non solo libri, giornali e riviste, ma anche la televisione“.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie