English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
VIAGGI E TURISMO. Ecco la lista completa dei Paesi vietati e non agli italiani

6 Mar 2020 | Nessun Commento | 1.421 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

L’emergenza coronavirus in Italia e nel mondo sta creando grande apprensione tra chi deve partire o ha prenotato un viaggio per l’estero nel 2020. Si sta allungando, infatti, la lista dei Paesi che hanno vietato l’ingresso agli italiani e messo restrizioni, e di conseguenza l’elenco dei voli cancellati dalle compagnie da e per l’Italia.

In caso di cancellazione di eventi e partenze a causa del Covid 19 è previsto il rimborso integrale dei biglietti, con la possibilità di posticipare le date della partenza gratuitamente (per i dettagli leggi Coronavirus Italia: voli e viaggi cancellati. Come avere il rimborso). Se c’è chi ha dovuto o dovrà rinunciare al viaggio a causa del divieto, in tanti saranno però disincentivati a partire a causa delle misure restrittive imposte da alcuni Paesi nei confronti dei turisti italiani, come quarantena obbligatoria, comunicazione costante dei propri spostamenti, controlli sanitari e isolamento per due settimane all’arrivo.

Coronavirus: Paesi che vietano l’ingresso ai viaggiatori italiani

I quasi 3.000 casi di coronavirus registrati in Italia hanno portato molti Stati a prendere delle decisioni drastiche. Alcuni hanno deciso di bloccare completamente l’ingresso agli italiani.

Per il momento, la lista degli Stati che hanno chiuso le frontiere alle persone che vengono dall’Italia a causa dell’emergenza coronavirus è formata da:

  • Mongolia: divieto di ingresso per tutti i viaggiatori provenienti dall’Italia che vi abbiano soggiornato nei 14 giorni precedenti l’arrivo nel Paese
  • Oman: sospesi i voli tra Milano e Salalah. Restano operativi, per il momento, i collegamenti tra Milano e Mascate. Si raccomanda di verificare lo stato del volo.
  • Turchia: dal 29 febbraio tutti i voli provenienti dall’Italia sono sospesi.
  • Giordania: sono stati vietati gli ingressi di persone provenienti dall’Italia;
  • El Salvador: sono state chiuse le frontiere alle persone residenti in Italia e a chi si è recato in Italia nelle ultime due settimane;
  • Mauritius: lo stop riguarda solo i viaggiatori provenienti da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna;
  • Turkmenistan: anche in questo caso le frontiere sono chiuse per gli italiani e per coloro che siano state nel nostro Paese nelle ultime due settimane;
  • Vietnam: si comporta come il Turkmenistan;
  • Kuwait: ha sospeso tutti i voli da e per l’Italia, primo paese a far scattare un provvedimento del genere;
  • Seychelles: anche in questo caso gli italiani vedranno le frontiere chiuse e non verranno ammessi
  • Libano: vietato l’ingresso nel Paese a tutti i passeggeri di voli provenienti dall’Italia, tranne se si tratta di cittadini libanesi o stranieri con un permesso di residenza nel paese. Non c’è il blocco formale dei voli.

Per tutti gli aggiornamenti in tempo reale sui Paesi che bloccano gli arrivi dall’Italia a causa del virus, si invita a consultare il sito della Farnesina.

Viaggi e coronavirus: Paesi con restrizioni per gli italiani

Oltre ai Paesi che hanno bloccato gli ingressi ci sono altri stati che hanno attivato delle misure precauzionali nei confronti di chi arriva dall’Italia. È possibile che ulteriori misure vengano adottate nei prossimi giorni. Non vi sono direttive univoche e la decisione di far sbarcare i viaggiatori provenienti dall’Italia spetta alle autorità dei singoli Stati.

  • Australia: i viaggiatori provenienti dall’Italia dovranno affrontare “misure di screening avanzate”, ossia verranno poste più domande al momento del check-in e all’arrivo in Australia sarà loro misurata la temperatura.
  • Gran Bretagna: imposto l’auto-isolamento per 14 giorni ai cittadini che arrivano dalle regioni del Nord Italia e che presentano sintomi. La quarantena è obbligatoria anche per chi arriva dai comuni italiani del focolaio ed è asintomatico.
  • Cina, Kazakhistan e Kirghizistan: mettono in quarantena preventiva i viaggiatori provenienti dal nostro paese. Il governo cinese non ha esplicitamente citato l’Italia, ma ha parlato in generale di paesi colpiti dal virus.
  • Malta e Islanda: si sono mosse nello stesso modo e hanno deciso entrambe di chiedere, a chi venisse dalle zone rosse dell’Italia, di mettersi in quarantena autonomamente.
  • Brasile, Colombia, Cuba e Cipro: effettuano controlli sanitari per i cittadini italiani a bordo di aerei che atterrano sul loro suolo.
  • Lituania: anche in questo caso si opta per controlli preventivi, che vengono effettuati all’aeroporto, ma solo sulle persone che sono state nelle quattro regioni interessante dai focolai.
  • Croazia e Libano: hanno stabilito controlli nei loro aeroporti per le persone provenienti dall’Italia. Chi presenta febbre e sintomi riconducibili al virus viene portato in quarantena per 14 giorni nell’ospedale del luogo;
  • Bulgaria e Montenegro: richiedono di compilare un form alle persone provenienti dall’Italia e sottopongono i viaggiatori a controlli sanitari. Cancellati i voli Air Bulgaria da e per Milano fino al 27 marzo. Tutti i passeggeri dei voli sospesi possono chiedere il rimborso completo dei biglietti o cambiare la data del viaggio senza costi aggiuntivi.
  • Argentina: chiede invece ai passeggeri provenienti dall’Italia di compilare un modulo.
  • Egitto, Ucraina, Moldavia e Sudafrica: effettuano semplici scan della temperatura alle persone in entrata;
  • Samoa: chiede a tutti i viaggiatori provenienti dall’Italia una certificazione medica che indichi le proprie condizioni fisiche e che non sia più vecchia di tre giorni;
  • Marocco: nei porti e negli aeroporti delle principali città sono stati posti degli screen termici che permettono di monitorare la temperatura. Alle persone provenienti dal nostro Paese viene inoltre richiesto di compilare un modulo.
  • Stati Uniti: dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. Alcune compagnie stanno riducendo o sospendendo i viaggi da e per l’Italia (il livello di allerta è 3 per il Paese e 4 per le regioni maggiormente colpite). I passeggeri che provengono dall’Italia potranno essere sottoposti a screening sanitari negli aeroporti di partenza e di arrivo e in caso di sintomi sospetti potrà essere loro negato l’imbarco. All’arrivo, per i passeggeri sintomatici sarà disposto l’isolamento, mentre per gli asintomatici che provengano da o abbiano visitato le regioni Lombardia o Veneto nei 14 giorni precedenti l’arrivo negli USA, le autorità si riservano la facoltà di imporre una quarantena domiciliare di 14 giorni. 
  • Polinesia francese: adottate misure restrittive all’ingresso. Tutti i viaggiatori che hanno transitato o visitato, 30 giorni prima dell’arrivo, le regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, devono presentare un certificato medico, rilasciato non più di 5 giorni prima dell’arrivo in Polinesia francese, che attesti che non presentano segni di infezione virale prima della partenza, indipendentemente dal porto d’imbarco. 
  • Kenya: controlli sanitari in aeroporto per tutti i viaggiatori in arrivo. In caso di rilevazione di sintomi compatibili con COVID-19 a chi proviene dall’Italia sarà richiesto l’auto-isolamento per i 14 giorni successivi all’arrivo.
  • Germania: le autorità hanno annunciato che i viaggiatori provenienti dall’Italia settentrionale saranno tenuti a comunicare i loro dati e spostamenti attraverso un’apposita carta di sbarco in modo da essere contattati rapidamente in caso di necessità.
  • Malawi e Zambia: controllo della temperatura e compilazione di un questionario su provenienza, stato di salute, contatti e indirizzo. Quarantena di 14 giorni per chi viene dall’Italia (auto-isolamento con controlli sanitari a campione o trasferimento in strutture ad hoc).
  • Qatar: periodo di quarantena obbligatoria di 14 giorni o rientro in Italia per tutti i passeggeri provenienti dall’Italia o per chi ha viaggiato in Italia nei precedenti 30 giorni.
  • Panama: per il momento sono stati predisposti controlli della temperatura, questionario e quarantena domiciliare di 14 giorni per i viaggiatori provenienti dall’Italia. La Farnesina avvisa che le autorità panamensi potrebbero mettere in pratica con scarso preavviso misure più stringenti, incluso il divieto di sbarco per i passeggeri provenienti dalle zone più colpite dal virus.
  • Russia: le frontiere con l’Italia restano aperte. I passeggeri sono sottoposti a controlli della temperatura in aeroporto o a bordo dell’aereo. Le persone che presentano sintomi possono essere messi in osservazione e quarantena per 14 giorni.
  • Repubblica Ceca: all’aeroporto di Praga, dalla mezzanotte di lunedì 24 febbraio, c’è un gate dedicato ai viaggiatori provenienti dall’Italia dove vengono effettuati i controlli sui passeggeri in ambiente igienizzato. La circolazione resta libera
  • Polonia ha adottato, per il momento, misure di quarantena per coloro che provengono dalle regioni del Nord Italia, ma negli aeroporti sono stati potenziati i controlli della temperatura corporea sui passeggeri che vengono da Italia e Cina.
  • Svizzera le autorità fino a questo momento hanno annunciato che il traffico da e verso l’Italia resta aperto. Annullato il Salone di Ginevra 2020.
  • Lettonia i passeggeri dei voli provenienti da Milano, Bergamo, Venezia e Verona dovranno compilare in aeroporto un modulo rilasciato dal Centro di Prevenzione e di Controllo delle Malattie locale in cui dovrà indicare regione di provenienza, luoghi in cui si è recato di recente, durata e luogo di soggiorno in Lettonia.
  • India: i passeggeri in arrivo dall’Italia o che abbiano visitato l’Italia a partire dal 10 febbraio scorso potrebbero essere sottoposti a quarantena di 14 giorni al loro arrivo nel Paese.

Covid 19 Italia: Paesi senza divieti e restrizioni

Vediamo allora quali sono i Paesi dove gli italiani possono andare nonostante l’emergenza Covid 19 (voli confermati permettendo).

Finora non hanno messo divieti o restrizioni particolari per chi proviene dall’Italia i seguenti Stati:

  • Spagna
  • Portogallo
  • Austria
  • Svizzera
  • Svezia
  • Norvegia
  • Danimarca
  • Finlandia
  • Belgio
  • Olanda
  • Canada

CroaziaMaroccoAlgeria e Grecia hanno messo i controlli solo per chi viene dalle zone più esposte al virus, con isolamento in ospedale per chi ha sintomi influenzali. L’Irlanda raccomanda cautela a chi proviene solo da Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte (informare il servizio sanitario irlandese se negli ultimi 14 giorni ci si è recati in una delle zone citate o mettersi in autoisolamento se si hanno sintomi).

Potete collegarvi al sito
https://www.italiarimborso.it/curiosita/emergenza-coronavirus-quando-e-come-rinunciare-al-volo-1628 per tutti gli aggiornamenti che si susseguono di ora in ora.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie