English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
“Vergine Giurata”, il film di Laura Bispuri in gara al Festival del cinema di Berlino 2015

5 Feb 2015 | Nessun Commento | 1.019 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

vergine5Alla 65/a edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino (5-15 febbraio) l’Italia corre con una storia davvero singolare di doppia identità sessuale, “Vergine Giurata” dell’esordiente Laura Bispuri, mentre nella sezione “Special” scende in campo un vero classico, “Torneranno i Prati” di Ermanno Olmi. E ancora, alla Berlinale 2015 approdano “Cloro” di Lamberto Sanfelice, “Short Skin” di Duccio Chiarini e “Il gesto delle mani” di Francesco Clerici.

Protagonista di “Vergine Giurata”, della giovane regista romana Bispuri, già vincitrice con i corti di un David di Donatello e di un Nastro d’Argento, è Alba Rohrwacher. Girato tra l’Albania e Bolzano, il film è ispirato all’omonimo romanzo di Elvira Dones (Feltrinelli) che racconta di una pratica tribale: il Kanun. Una legge che permette a una donna albanese, se giura di rimanere vergine, di avere gli stessi diritti dei maschi. È il caso appunto di Hana, bambina cresciuta sulle montagne albanesi che, per sfuggire al suo destino, si appella a questa legge della sua terra prendendo il nome di Mark e rinunciando così ad ogni forma d’amore. Il film è una produzione Vivo Film e Colorado con Rai Cinema, Bord Cadre Films (CH), Match Factory Productions (D) ed Era Film (AL/KO).

“Torneranno i prati” di Olmi con Claudio Santamaria, Alessandro Sperduti, Francesco Formichetti e Andrea Di Maria racconta di una lunga notte in trincea in cima all’altopiano di Asiago. Siamo nell’inverno del 1917 e nessuno degli sfortunati soldati dell’avamposto conosce il suo destino da lì a poche ore. Il regista de Il mestiere delle armi rende omaggio alla generazione della Prima Guerra Mondiale con un film sobrio, minimalista e doloroso.

“Cloro” di Lamberto Sanfelice, già selezionato al Sundance, a Berlino nella sezione Generation 14plus, ha come protagonista invece una giovane attrice in ascesa, Sara Serraiocco (in tv Chiara nel film di Liliana Cavani “Francesco”). Lei è Jenny, 17 anni, con il sogno di diventare una nuotatrice di nuoto sincronizzato. La sua vita di adolescente a Ostia, sul litorale romano, è sconvolta da un tragico evento e la ragazza è costretta così a trasferirsi in un piccolo paese di montagna, con il padre malato e il fratellino di nove anni. Si sistemano in una vecchia baita di montagna accanto a un hotel, dove Jenny inizia a lavorare come cameriera. Non rassegnandosi alla nuova situazione, promette a se stessa e all’amica Flavia che tornerà ad Ostia, per riprendere le gare di sincro.

“Short Skin” di Duccio Chiarini, presentato a Venezia in Biennale College, racconta della difficoltà “di diventare uomini quando tutti ti chiedono di essere un maschio”. Una commedia agrodolce di formazione con protagonista il 17enne Edoardo (Matteo Creatini) che, a causa di una malformazione al prepuzio, è insicuro e impacciato con le ragazze.

Nella sezione Forum, infine, Francesco Clerici presenterà il documentario “Il gesto delle mani”. Al centro del film la scultura in bronzo. Una tecnica che ancora oggi ha gli stessi procedimenti del V secolo a.C., quando furono creati i bronzi di Riace.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie