English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Umbria Jazz Winter, ad Orvieto il gota della musica mondiale fino al 3 gennaio

28 Dic 2009 | Nessun Commento | 2.694 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Umbria Jazz WinterUmbria Jazz imbraccia la chitarra per dare il suono alla diciassettesima edizione invernale che comincia ad Orvieto mercoledì prossimo e terminerà il 3 gennaio. Sono chitarristi infatti i più importanti nomi del cartellone, che già nella serata inaugurale occuperanno la scena del teatro Mancinelli. Prima toccherà a John Scofield accompagnato dal solo Larry Goldings alle tastiere, poi a Jim Hall e Bill Frisell, che si esibiranno come duo ed in quartetto con Scott Colley e Joey Baron.

Hall si potrà ascoltare nel corso del festival anche in trio, e perfino in un blindfold test pubblico condotto dall’inviato di Downbeat: si tratta di indovinare i musicisti dei dischi scelti dal giornalista Ted Panken, e, che ci si azzecchi o no, da questo gioco escono sempre opinioni interessanti dei jazzmen sui loro colleghi.

Ancora chitarre con il trio Rosenberg, per ricordare che esattamente un secolo fa nasceva il genio gitano Django Reinhardt, e con il brasiliano Romero Lubambo, in duo con la cantante Leny Andrade.
Per il resto, il festival umbro offre l’omaggio di Kurt Elling al suo concittadino di Chicago Johnny Hartman e più precisamente un remake del famoso disco che Hartman fece con John Coltrane per la Impulse!, e la riunione di famiglia tra l’emergente pianista Gerald Clayton e suo padre John, grande contrabbassista di consumata esperienza. John Clayton suonerà anche in duo con un altro bassista, John Patitucci, abituale partner di Chick Corea a Wayne Shorter. Un set di due contrabbassi non è evento tanto comune.
Nel cartellone spiccano anche il pianista giamaicano Monty Alexander e l’astro nascente del jazz di New Orleans, il pianista Jonathan Batiste.

La «sezione italiana» offre il nuovo progetto di Enrico Rava (con Trovesi e Petrella) dedicato a Gershwin e lo storico Trio di Roma (Danilo Rea, Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto) che da poco ha pubblicato il primo disco dopo ben 25 anni dalla sua fondazione. Ci sarà anche il veterano Renato Sellani, e ad un altro «senatore» da poco scomparso, Gianni Basso, è dedicato quest’anno il festival, ricordando che l’anno scorso Basso fu ospite fisso di Umbria Jazz. Tra le proposte curiose, Nick the Nightfly, che da dj radiofonico passa a live performer come cantante e chitarrista. È italiana anche la tradizionale street band: i Funk Off sono di casa sia a Perugia che a Orvieto. Umbria Jazz Winter conferma la solita formula: musica tutto il giorno nel centro storico di Orvieto, con due momenti chiave: il veglione ed i concerti della notte del 31 dicembre, ed il coro gospel in cattedrale il pomeriggio di Capodanno. Molti altri sono i musicisti in programma tutti i giorni nel filone più «leggero», per fornire buone dosi di soul, blues, swing a chi vuole solo passare una confortevole vacanza di fine anno.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie