English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Tutto pronto per l’ottava edizione dell’ Ischia Film Festival dal 4 al 10 luglio 2010

3 Lug 2010 | Nessun Commento | 1.955 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Ischia
Si svolgerà nelle cornici più belle dell’ antica colonia greca di Pithecusa l’unico festival cinematografico dedicato alla valorizzazione del territorio, organizzato dall’ Associazione Art Movie e Music,  che, sin dal 2002, nella realizzazione del progetto “Cinema e Territorio” ha integrato l’Ischia Film Festival. Dal Castello Aragonese  sull’isolotto di Ischia Ponte alla Torre di Michelangelo situata nella baia di Cartaromana, a villa La Colombaia, storica dimora di Luchino Visconti, e ancora nel Parco Botanico La Mortella e a Forio di Ischia nel Borgo di Sant’Angelo, la scelta degli organizzatori ha privilegiato i luoghi di maggior fascino per una kermesse volta a valorizzare le location nel mondo dove si sono ambientati i film che hanno tracciato la storia del cinema. Abbiamo intervistato Michelangelo Messina, produttore e direttore artistico dell’Ischia Film Festival

Quali sono le novità dell’ottava edizione dell’ IFF e quale la punta di diamante che fa preferire agli ospiti ed ai critici di partecipare a questo evento. Che cosa vi caratterizza rispetto ai numerosi altri festival cinematografici in Italia?

bandierecastelloIl tema dell’Ischia Film Festival resta la location cinematografica, raccontata e analizzata attraverso svariate sfaccettature, secondo la creatività e la sensibilità di autori provenienti da ogni cultura e paese. E’ il tema che ci differenzia da ogni altro festival al mondo. Anche in questa ottava edizione, pertanto, avremo film in concorso e fuori concorso, anteprime oppure opere già presentate in altre rassegne internazionali, il cui recupero, in questo contesto, assume spesso significati nuovissimi, convegni sul fenomeno del “cineturismo” e incontri di cinema con i personaggi più noti del panorama nazionale ed internazionale. Tutto in un’ atmosfera rilassata e informale, in una location di impagabile bellezza come il Castello Aragonese di Ischia (altro elemento di “unicità” del nostro Festival) e lontano dalle rigidità delle mere vetrine promozionali. Ne scaturisce per il nostro pubblico un’ occasione irrinunciabile  per cogliere accessi  e percorsi conoscitivi assai stimolanti sotto l’aspetto cinematografico, approfondire le conoscenze settoriali e scientifiche legate al cineturismo e all’uso delle location nel racconto audiovisivo,  e avvicinarsi, quanto più possibile, a quelle opere che altrimenti non troverebbero spazio attraverso gli abituali canali della nostra distribuzione. Tutto, lo ripetiamo, in una cornice di grande fascino e suggestione.

Nel panorama desolante dei fondi tagliati allo spettacolo ed alla cultura grazie alla manvora del governo, come vede il futuro delle produzioni cinematografiche in Italia? Bisognerà elemosinare le produzioni da altri paesi? Si rischia, anche in campo cinematografico una fuga di cervelli e talenti artistici?

La decisione in merito a fondi tagliati alla cultura e allo spettacolo ci sconcerta e avvilisce, ma non siamo certo sorpresi. Anzi, è l’ennesima riprova della considerazione in cui è tenuto, nel nostro paese, tutto quello che può avere un’ attinenza alla cultura, bene di così scarso rendimento elettoralistico-clientelare, da poter essere tranquillamente classificato al primo posto tra quelli da colpire con tagli facili e senza troppi riguardi. Non sono solo le produzioni a restare danneggiate da questi tagli, è’ un intero settore dell’economia, che comprende artigiani, maestranze, professionisti, a essere messo in ginocchio. Francamente non sappiamo in che misura, anche in campo artistico, si verificherà una fuga di cervelli all’estero. Colpire così barbaramente perfino le scuole di cinema, i luoghi deputati a formare gli artisti di domani, equivale a una condanna a morte per il futuro di una forma d’arte in cui siamo sempre stati riconosciuti come maestri, anche da cinematografie infinitamente più potenti e strutturate (sotto il profilo industriale) della nostra.

picAd aprire la manifestazione sarà “New York I love You” 11 cortometraggi ambientati nella Grande Mela , undici love stories girate da altrettanti registi (tra i quali Fatih Akin, Mira Nair e Natalie Portman) nei quartieri della città con un cast di tutto rispetto, da Andy Garcia a Julie Christie, Christina Ricci e James Caan. Ogni giorno dal 4 al 10 luglio proiezioni, incontri con gli autori, convegni sul cineturismo, workshop sul product placement, incontri professionali e premiazioni per un cinema di qualità. Cerimonia d’ apertura  domenica 4 luglio alle ore 19.30 al Castello Aragonese.

Informazioni sul sito www.ischiafilmfestival.it

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie