English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Thailandia: templi, festività ed esotismi. Benvenuti nel paese dei sorrisi

26 Mar 2013 | Nessun Commento | 1.456 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Thailandia
La Thailandia è certamente una delle mete esotiche più gettonate degli ultimi anni: la storia, la cultura, la proverbiale accoglienza della gente e una natura in buona parte ancora incontaminata ne fanno uno dei paesi più affascinanti di tutto il sud-est asiatico. Quando si decide di trascorrere una vacanza in Thailandia, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra i luoghi da visitare e le cose da fare. E anche chi è già stato nel Paese dei Sorrisi diverse volte, non finisce mai di scoprire tutto quello che questa destinazione ha da offrire. Viaggiare da un luogo all’altro, costruire rapporti umani, incontrare persone, ascoltare, capire, osservare, assaporare…… ogni giorno che si trascorre in Thailandia contribuisce a far diventare il turista una sorta di residente itinerante.
Molti decidono di tornare, spesso anche trasformando la propria vacanza in un soggiorno prolungato, grazie al clima caldo tutto l’anno, gente molto amichevole, sicurezza, convenienza nei costi, ottimi collegamenti, natura, mare, buon cibo…… C’è qualcosa nel Regno di cui i visitatori non debbono mai preoccuparsi: trovare nuovi posti da conoscere e rimanerne affascinati. Il dono che la Thailandia offre è, infatti, la sicurezza di non annoiarsi mai!
Difficile stabilire chi siano generalmente le persone che decidono di rimanere più a lungo in Thailandia. Le categorie vanno dai backpackers ai pensionati. Più facile affermare che si tratta semplicemente di persone che riescono a stabilire un rapporto quasi empatico con la destinazione e che spesso la amano profondamente. In tutto il Paese sono disponibili hotel e resort per soggiorni lunghi oppure si può scegliere un appartamento da affittare. Un’opzione molto popolare è quella di scegliere un alloggio appena fuori città per godersi la campagna o il mare, ma avere comunque tutto a portata di mano. Ma quello che c’è di veramente speciale nella terra dei Sorrisi, sono le persone. C’è una parola in lingua thai che non è traducibile in nessun altro idioma. “Gran Jai” è uno stile di vita e di pensiero che presuppone, in ogni situazione, il rispetto dell’altra persona, una zona franca, un limite invalicabile. In definitiva è dalla gente che la Thailandia trae il suo sapore unico. Si avranno amici tra i vicini di casa e potrete capire meglio il significato del thainess e della gentilezza spontanea di questo popolo. Si avrà l’opportunità di immergersi nella cultura e nelle tradizioni Thai, magari imparando un po’ di “thai..generosità”, per sentirsi a casa lontano da casa, durante il viaggio della vita. Un’occasione veramente speciale per recarsi nel Regno e per sentirsi parte delle celebrazioni più sentite dal popolo thailandese è rappresentata dalla festività del Songkran. Il Water Festival è senza dubbio il più popolare di tutti i festival thailandesi e segna l’inizio del nuovo anno astrologico. Il festival che celebra il Capodanno thailandese si tiene ogni anno dal 13 al 15 aprile. Le persone si riversano per le strade con contenitori, tubi da giardino e pistole d’acqua (a volte mescolata con talco mentolato o altre essenze), per iniziare lunghe “battaglie” e inzuppare i passanti e i veicoli che incontrano, quasi una “benedizione” festosa! Questa festa nasce però come una celebrazione religiosa buddista. E’ l’occasione per far visita e rendere omaggio agli anziani, alle famiglie, ai parenti. La tradizione prevede la visita di buon mattino ad un wat (monastero buddista) per pregare e rendere offerte ai monaci. Si procede poi con il lavaggio rituale delle immagini del Buddha nei santuari di famiglia e nei monasteri. Si crede che questi riti portino fortuna e prosperità per il Nuovo Anno. In molte città, particolarmente a Chiang Mai e Bangkok, si organizzano processioni di carri decorati, che trasportano le immagini del Buddha provenienti da tutti i più importanti templi della città. Il rito dell’acqua nasce anticamente per rendere omaggio e onorare gli anziani. Si crede infatti che raccogliendo l’acqua che è stata cosparsa sulle immagini dei Buddha e versandola sulle spalle degli anziani come acqua benedetta, si dia loro fortuna. Al giorno d’oggi, il festival è maggiormente conosciuto per il divertimento piuttosto che per gli aspetti spirituali e religiosi; tra i giovani i giochi d’acqua e gli spruzzi sono soprattutto un modo per alleviare la grande arsura del mese di aprile, il mese più caldo in Thailandia (la temperatura arriva spesso oltre i 40°). Questo non rappresenta certo un ostacolo per i visitatori che si recano nel Regno proprio in questo periodo per essere parte di questa meravigliosa celebrazione.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie