English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Quel ponte unì l’Italia. Presentato al museo civico di Bari l’ultima fatica letterario di Vito Palumbo

6 Lug 2017 | Nessun Commento | 954 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Ponte copertinaPresentato al Museo Civico di Bari l’ultimo lavoro di Vito Palumbo, Quel ponte unì l’Italia per la collana Scritti sull’acqua.

La storia è ambientata nei primi anni del novecento, nelle campagne di un piccolo borgo del Potentino. Ciccì, un bambino con le mani di adulto, e un geometra di Genova lavorano alla costruzione di un ponte canale dell’Acquedotto Pugliese, “il più grande acquedotto del mondo”. “Condividono polvere, puzzo e pietre, molte pietre, infinite pietre grezze da sgrezzare. Trascorrono tanto di quel tempo, insieme, che alla fine il tempo finisce per incollarli in un rapporto che, giorno dopo giorno, si fa sempre più intenso, sempre più intimo. L’amicizia è un sentimento strano. A volte non ha bisogno di nulla. Spesso si ciba di privazioni e di fame, per crescere bene. È nelle avversità, che l’amicizia esprime il meglio di sé”. Il ponte che hanno contribuito a realizzare è stato da poco terminato. Si staglia, bello e austero, sullo sfondo del loro rapporto, come una quinta dell’esistenza. Stanno per separarsi. Sopra tutto, l’acqua, elemento immanente da cui tutto trae principio e ragione, deus ex machina dei destini loro e di un’Italia che stenta ancora a riconoscersi Unita.

“Sai cosa penso Ciccì? Che in cielo ci sta una grande bilancia. Da una parte le cose che ci servono, dall’altra le cose che dobbiamo dare, per averle. Ognuno paga come può e con le cose che ha, perché tutto sia sempre in equilibrio. La morte dei muli è il prezzo che il Signore ci chiede per avere l’acqua. Così penso io, anche per dare un senso a questa storia”. Come presto capirà Ciccì.

fineUn racconto stravagante e onirico, una storia che ci farà commuovere, sorridere talvolta, soprattutto riflettere sulle nostre radici di italiani. Il volume è impreziosito da una galleria di immagini storiche e recenti dei più affascinanti ponti in pietra del meridione realizzati per portare l’acqua in Puglia dall’Irpinia e da un breve saggio introduttivo di Giuseppe Carlo Marano, Professore di Tecnica delle Costruzioni al Politecnico di Bari e alla Fuzhou University (Cina).

Il libro trae spunto da un fatto di cronaca reale, la morte di un giovane operaio, Giuseppe Lopomo purtroppo non l’unico durante la realizzazione del canale principale dell’Acquedotto Pugliese, a cui è dedicato un monumento funebre eretto lungo la stradina di servizio dell’opera.

Per i tipi di Adda editore, Vito Palumbo, Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne di Acquedotto Pugliese e Direttore della rivista trimestrale della stessa azienda “La voce dell’acqua”, ha pubblicato “Aforismi sulla saggezza dell’acqua” (2013) e nella collana “Scritti sull’acqua”, di cui è anche ispiratore e Direttore editoriale, “La terra delle fontane” (2015) con Nicola Costantino. Si è dilettato anche con la letteratura per bambini scrivendo, con altri, “La storia di Pugliabella e del suo Acquedotto” favola sulla conquista dell’acqua salubre in Puglia.

I compensi saranno devoluti in beneficenza all’associazione AMOPuglia, onlus che si occupa di assistenza domiciliare gratuita a malati oncologici ed oncoematologici, avvalendosi di medici, psicologi ed infermieri regolarmente retribuiti ed adeguatamente formati.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie