English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Quando la ragazza non si vuol sposare non c’è pretendente che tenga! C’è la luna ‘mmenzu ‘o mari

20 Giu 2020 | Nessun Commento | 196 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

C’è la luna in mezzo a u mari è una antica canzone siciliana che racconta, in modo comico il dialogo tra madre e figlia sull’indecisione della figlia a prendere marito.

La madre propone diversi pretendenti ma la risposta della figlia è sempre di un’indecisione totale.

La musica folk siciliana ha origini antichissime, si presume che tragga origine dalle prime musiche e canzoni dei tempi della Magna Grecia che furono trasmesse oralmente nei secoli.

Questa canzone è stata scelta nella scena iniziale del film di Francis Ford Coppola del 1972, “il Padrino”, dove si descriveva una festa di nozze.

La canzone è stata scelta proprio per il fatto che questo brano folk siciliano, grazie alla forte emigrazione, è molto popolare negli Stati Uniti, tanto è vero che è stata cantata anche da Dean Martin e da Frank Sinatra, e poi in diverse versioni da altri cantanti statunitensi di origine italiana come Lou Monte.

Un’altra curiosità che possiamo legare a questa canzone è che il grande Gioacchino Rossini, quando scrisse nel 1835 la sua celebre Tarantella “La Danza” come strofa di apertura usò queste parole “Già la luna è in mezzo al mare”. Alcuni critici e storici della canzone hanno citato questo parallelismo come fonte di ispirazione per Rossini.

TESTO

C’è la luna ‘mmenzu ‘o mari mmamma mia ma ‘maritari,

figghia mia a ccu t’ ha dari -mamma mia pensici tu.

Si ti dugnu ‘o pasticceri, iddu va, iddu veni e u cannolu a manu teni

E, si ci pigghia la fantasia: u cannolu ciù duna a tto zia.

Oh! mammà mi vogghiù marita, oh! mammà mi vogghiu marita

oh! mamma mi vogghiu mari-ta, -figghia mia a ccu t’ha dari mamma mia pensici tu.

Si ti dugnu ‘o carritteri, iddu va, iddu veni sempri a zotta ‘manu teni,

si ci pigghia la fantasia: spaia u sceccu e ‘mpaia a tia.

Oh! mammà mi vogghiù marita, oh! mammà mi vogghiu marita

oh! mamma mi vogghiu marita, -figghia mia a ccu t’ha dari -mamma mia pensici tu.

Si ti dugnu ‘o muraturi, iddu va, iddu veni e a cazzola ‘mmanu teni,

si ci pigghia la fantasia: cazzulia la figghia mia.

Oh! mammà mi vogghiù marita, oh! mammà mi vogghiu marita

oh! mamma mi vogghiu marita, -figghia mia a ccu t’ha dari -mamma mia pensici tu.

Si ti dugnu ‘o macillaiu iddu va, iddu veni, e a sasizza ‘mmanu teni,

si cci pigghia la fantasia: sasuzzia la figghia mia.

Oh! mammà mi vogghiù marita, oh! mammà mi vogghiu marita

oh! mamma mi vogghiu marita, -figghia mia a ccu t’ha dari -mamma mia pensici tu.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie