English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Piccola Antigone e Cara Medea al Teatro Kismet OperA

3 Feb 2012 | Nessun Commento | 1.747 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

2Piccola-Antigone-e-Cara-Medea
Dalla scrittura tragica di Sofocle e Euripide a quella durissima e sarcastica del drammaturgo contemporaneo Antonio Tarantino: la regista e attrice Teresa Ludovico ha scelto la sua riscrittura dei due personaggi femminili per il suo nuovo lavoro “Piccola Antigone e Cara Medea”, in scena sul palco del Kismet di Bari sabato 4 e domenica 5 febbraio alle 21.00.
Antonio Tarantino , con “Piccola Antigone” e “Cara Medea” riporta i miti  nella nostra storia recente , nei sobborghi  di città degradate o  distrutte dalla guerra: Antigone in una metropoli senza tempo, Medea nella Cecenia devastata dalla guerra. Il risultato è un viaggio in quella modernità che ci abita, ci lacera e ci pone tante domande, una per tutte: l’altro. Le protagoniste di queste storie vomitano parole feroci e banali per sfuggire , spesso, al dolore di un vivere quotidiano  che le stringe in una morsa inesorabile e le paralizza.

In “Cara Medea“, la protagonista è un’ex deportata ,rinchiusa in un lager dopo aver ucciso i figli, che percorre un’Europa post bellica per raggiungere il suo Giasone a Pola.

Piccola Antigone” è la storia di una prostituta che incontra  un cliente che si svelerà essere poi Edipo, suo padre. A rendere tutto questo sul palco, insieme con la regista, l’attore Vito Carbonara, storico collaboratore della Ludovico, per anni con lei ne progetto “Teatro e Handicap”.

Note della regista

Piccola-Antigone-e-Cara-MedeaL’incontro con  Antonio Tarantino
Nel 1982 ho visto lo spettacolo” Stabat Mater” di Antonio Tarantino , interpretato da Piera Degli Esposti , e sono rimasta folgorata da quel  potente  flusso di parole fatte di carne.  Una scrittura magistrale che mi affascinava e mi intimoriva. Quando , qualche anno fa, Marco Martinelli ci propose uno studio per la messa in scena de” La casa di Ramallah”, ebbi  un tuffo al cuore: ero eccitata dalla proposta e impaurita dalla verbosità della scrittura. Allora, ho avvicinato  il testo lentamente , cercando di assorbirlo ritmicamente e, quando mi sono lasciata andare,tutto è stato più semplice. Lo stesso è accaduto nella preparazione di ” Cara Medea” e “Piccola Antigone”. Questi personaggi, spesso portatori di mitiche ferite, chiedono all’attore  di essere incarnati così, come si presentano: nudi e crudi, senza nessun giudizio.

Frequentando un laboratorio di drammaturgia condotto dall’autore, ho compreso la sua necessità di scorticare le belle parole per  trovare la voce, magari rauca, di quella umanità che ha paura dell’altro, che si sente continuamente minacciata e che vive di doppiezza.

Le  storie  di Tarantino si svolgono  in interni, in spazi chiusi, ma sono sempre il riflesso  del  fuori e della Storia. Con leggerezza e ironia riesce a coinvolgere lo spettatore in temi di grande impegno sociale. Un teatro politico?!
Teresa Ludovico

Biglietti al Box office della Feltrinelli, al botteghino del teatro o sul sito www.bookingshow.com: info 080.579.76.67

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie