English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
“Phinx”: musica elettronica e inquietudine giovanile

28 Set 2010 | Nessun Commento | 2.407 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

PhinxGiovanissimi, belli, puliti e buoni. Francesco Fabris (voce, chitarra e programmi), Pietro Secco (basso, synth), Alberto Paolini (batteria, groovebox) e Daniele Fabris (synths, sequencers) sono titolari del marchio Phinx, storpiatura del termine inglese sphinx, cioè sfinge. Provengono dal Veneto ed esordiscono con Login, scrigno destinato a recepire frustrazione ed inquietudine giovanile. Inglese il canto, nord-europeo il substrato musicale. Per raggiungere l’obiettivo prefissato lo sguardo è dichiaratamente volto a figure rilevanti come Daft Punk, Prodigy e Radiohead, ma qua e là si colgono echi dal nuovo mondo riconducibili ai Killers.

In Login, composizione e produzione si aggregano per dare simmetria e rigore all’intero album mentre il mood si snoda ordinato tra perimetri sintetici e meccanici tappeti sonori. L’elettronica è una dima che calibra e assembla con estrema precisione. Il digitale elimina ogni sbavatura, bilancia alla perfezione e ripulisce: tutto è impeccabile, netto, quasi asettico. I quattordici brani, solo lambiti da certa genuina audacia, risultano omogenei tanto da rendere difficilmente raggiungibili i propositi proclamati dai quattro bassanesi.

Sedotti da lusinghieri riconoscimenti ricevuti da Mtv, il clip The Gamer è stato definito “il video più cool dell’estate 2009”, i ragazzi perseguono i dettami dell’entertainment e lanciano il singolo anticipatore, Get Panic, sulla falsariga di quanto già immesso sul mercato. I Phinx sono perfetti per un pubblico molto giovane che ricerca tendenze danzerecce e incentivi visivi. La decisione di optare per quattro diverse versioni del video Get Panic, e la partnership con un marchio di abbigliamento, che “oltre a vestirli ha realizzato per loro una t-shirt in edizione limitata”, rafforza la tesi che, in ambito musicale, l’apparenza conta tanto quanto l’essenza. Se non di più. La musica, oggi più che mai, è una questione di stile. Le rock band brutte, sporche, cattive e magari rivoluzionarie, si sono definitivamente estinte.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie