English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Patti Smith la “Sacerdotessa del Rock” alla Feltrinelli di Bari

18 Lug 2012 | Nessun Commento | 1.115 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Patty SmithUna Feltrinelli gremita come accade solo nelle grandi occasioni ha accolto ieri pomeriggio l’arrivo in Puglia della “sacerdotessa del rock”. Patti Smith si è donata al pubblico per un’intesa ora e mezza, una fitta conversazione coordinata dal giornalista Ugo Sbisà, in attesa del concerto di stasera alla banchina San Domenico di Molfetta (18 luglio h 21.30 biglietti ancora disponibili). Si parte dal suo ultimo lavoro, Banga, un nome ispirato dalle pagine del Maestro e Margherita di Bulgakov. Banga come il cane che aspetta paziente e devoto il suo padrone Ponzio Pilato per ricordare la fedeltà e la dedizione che la lega alle cose più importanti della vita, all’ambiente, ai bambini alla sua band. Una premessa in cui trova spazio anche il suo amore per l’Italia, “una famiglia” cui Patti Smith guarda nel suo disco numerose volte, guidata da personalità che ama da sempre come Piero della Francesca e San Francesco – “Ho sognato Francesco che piangeva per la nostra terra, per il modo in cui l’abbiamo distrutta e ho sentito di dovermi ispirare al suo grande insegnamento di rispetto per l’ambiente”, ma anche ad Amerigo Vespucci – “approfondendo lo studio di grandi esploratori sono stata fortemente incuriosita da questo italiano che ha scoperto il nuovo mondo”. Uno sguardo alla cultura italiana di cui è sicuramente complice il luogo di nascita di Banga: molte delle tracce contenute nel disco sono state infatti concepite sulla Costa Concordia durante una crociera con la band nel nostro paese, poco prima della tragedia dello scorso gennaio.Ci sono anche due doni dedicati a due importanti figure femminili: Maria, nata per l’attrice Maria Schneider “semplicemente una canzone per una grande amica, guidata dall’emozione” e This Is The Girl dedicata ad Amy Winehouse “poteva essere mia figlia, scrivere una canzone era un mio modo per elaborare questa perdita”.Non è entusiasta Patti Smith di rispondere alla domanda su Obama “È sicuramente una personalità fortemente idealista – dice- ma forse non è riuscito ancora a realizzare tutto quello che ha programmato di fare. Tuttavia non è la politica americana che in questo momento mi preoccupa. Il mio pensiero è per i paesi che non hanno ancora assistenza sanitaria, per chi non ha cibo, per l’ambiente, per chi vive la sofferenza”Qualche domanda in meno, chiede Patti Smith, per lasciare spazio alla sua musica. Con la chitarra di Lenny Kaye la libreria Feltrinelli si commuove sulle note della canzone “dedicata a mia figlia Jessie e quindi a tutti i vostri figli”. La sacerdotessa del rock saluta il pubblico regalando due strofe di “People have the power”, un regalo di cuore al pubblico e un invito appassionato a “non dimenticare di usare la vostra voce”.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie