English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Paolo Bonolis apre la 59.ma edizione del Festival di Sanremo

18 Feb 2009 | Un Commento | 3.850 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Paolo BonolisIl “Nessun dorma” di Puccini ha aperto la 59.ma edizione del Festival di Sanremo. Dopo la sigla iniziale c’è stato l’intervento di Paolo Bonolis seduto sul palcoscenico ancora buio al fianco di una bambina. Quindi il primo grande momento di emozione del Festival: un video di Mina, con immagini recenti, mentre canta “Nessun dorma”. Scorrono le immagini dei protagonisti della storia della musica italiana dal 1950 ad oggi. Luci su un pianoforte al centro del palco, che visto dall’alto ricorda un vecchio lp e la cui scenografia è opera di Gaetano Castelli. L’Ariston si illumina e la bimba seduta al pianoforte suona qualche nota, dando così il via all’orchestra che comincia a suonare.

Fuochi d’artificio sulla città e, finalmente, via alle canzoni dei 16 “Artisti” e delle 4 “Nuove Proposte”.

È Dolcenera la prima artista in gara al Festival con “Il mio amore unico”. La salentina dalla voce graffiante ha cambiato look, ma soprattutto il suo cambiamento è nella melodia più allegra e interpretata con leggerezza. Per il testo di quest’anno, di cui è coautrice e il cui tema è la ricerca dell’equilibrio in amore per raggiungere la perfezione, si è ispirata al libro “Scritto sul corpo” di Jeanette Winterson (libro cult della comunità lesbica). Seguita da Fausto Leali con il brano melodico “Una piccola parte” che parla del rapporto tra padri e figli. Poi è toccato a Luca Laurenti, che affiancherà Bonolis in tutte le serate. La gara è proseguita con Tricarico in “Il bosco delle fragole”. Non eccellente la sua interpretazione di questo testo autobiografico dedicato alla moglie. Poi è entrata in scena l’ospite d’onore femminile. Mancano la bionda e la bruna quest’anno al Festival. Largo ad una madrina per ogni serata. Si è cominciato con la modella Alessia Piovan, attrice nel film “La ragazza del lago”. Di scena anche il modello Paul Sculfor, fidanzato di Cameron Diaz. “Porteranno bellezza, divertimento e mi affiancheranno nella conduzione” – ha detto Bonolis.

A seguire i brani del vincitore di “Amici” dello scorso anno, Marco Carta, “La forza mia” e di Patty Pravo “E io verrò un giorno là”, dalla struttura musicale pop e molto raffinata. Subito dopo collegamento con New York per l’intervista con Miguel D’Escoto, presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite all’Onu. “Dobbiamo accettare di essere tutti fratelli e sorelle e quindi anche le conseguenze di questo oppure affonderemo tutti – ha detto  D’Escoto. “Il compito di Obama – ha continuato D’Escoto – sarà difficile. Deve avere la capacità di cambiare la mentalità del suo popolo che sinora ha vissuto da individualista”.

Dopo questa diretta  la gara è ripartita con Marco Masini che ha cantato “L’Italia”, una brutta Italia appiattita e violenta raccontata in una ballata tra rock e pop e con Francesco Renga e la sua romanza con citazione del “Nessun dorma” dalla Turandot, intitolata “Uomo senza età”.

Roberto BenigniÈ stato quindi il momento di Roberto Benigni, con un superlativo monologo, che ha raggiunto il suo momento più alto quando ha interpretato una lettera scritta da Oscar Wilde al suo innamorato dalla prigione, per smorzare le polemiche sull’omosessualità di questi giorni scaturite del testo presentato da Povia “Luca era gay”. “Un omosessuale ama un’altra persona. Questo è stato l’unico motivo per cui sono stati massacrati nei lager nazisti – ha sottolineato Benigni – e oggi sono discriminati. Nemmeno la fede  – ha continuato l’attore – rassicura più dell’amore.”

Dopo questo momento di poesia si è ripreso con gli ecumenici Pupo, Paolo Belli e Youssou N’Dour e il brano”L’opportunità”, un messaggio sull’integrazione razziale e a seguire con  i Gemelli Diversi in “Vivi per un miracolo”, che affrontano a ritmo rap temi sociali come l’aborto, la prostituzione, il carcere.

Al Bano con “L’amore è sempre amore” ha cantato gli amori non corrisposti, mentre la band underground degli Afterhours con “Il paese è reale” raccontano di una persona senza punti di riferimento.

Katy PerryPoi tutto il resto è amore, anzi per Iva Zanicchi solo sesso nella sua canzone “Ti voglio senza amore”. Nicky Nicolai e Stefano Di Battista  si presentano con il brano, “Più sole”, scritto da Jovanotti, un pezzo positivo e semplice. È la volta del discusso Povia che ha alimentato curiosità e proteste: dopo la sua esibizione Bonolis ha lasciato la parola a Franco Grillini, presidente dell’Arcigay. Qualche fischio e poi si riprende con la gara. Sal Da Vinci canta “Non riesco a farti innamorare” e, a chiudere la categoria dei Campioni, Alexia e Mario Lavezzi con “Biancaneve”. Spazio quindi all’ospite californiana, Katy Perry (per chi l’avesse persa agli MTV Awards) e la lettura di un brano della poetessa Alda Merini. A seguire le prime quattro Proposte: la splendida voce di Malika Ayane con “Come foglie”, brano scritto da Giuliano dei Negramaro; Irene, figlia di Zucchero Fornaciari, con “Spiove il sole”; Simona Molinari con “Egocentrica” e il 18enne Filippo Perbellini con “Cuore senza cuore”. Al termine Bonolis ha comunicato i nomi dei tre artisti esclusi, Zanicchi, Afterhours e Tricarico, che, però, potranno sempre sperare nel ripescaggio di giovedì sera.

.

1 commento

  1. Giacomo's GravatarGiacomo
    19 Febbraio 2009 at 19:50 | Permalink

    Io che ho visto solo Benigni, grazie al tuo articolo per un attimo ero a guardare Sanremo . Brava nel cogliere alcuni aspetti biografici e il rispetto di tutti coloro che hanno partecipato, forse solo un pò di grinta sui contenuti extra musicali..Giacomo d.C.

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie