English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Noa, una grande voce, una “bandiera di pace”

17 Mar 2009 | Nessun Commento | 3.827 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

NoaLa conosciamo col nome di Noa ma lei è “Achinoam Nini” cioè “Sorella di pace”. Nata a Tel Aviv, aveva due anni quando con la famiglia, a causa della guerra e delle persecuzioni, si trasferisce a New York , dove il padre era docente universitario. Soltanto 17enne Noa fa ritorno nella sua terra, si arruola per due anni nelle forze militari e sposa un pediatra col quale avrà due figli, Ayehli ed Enea, che lei reputa “i miei più grandi gioielli, la mia luce”. In contemporanea coltiva la sua carriera di cantante.

Artista dalle mille sfaccettature è profondamente impegnata nell’utilizzo della musica come strumento di riavvicinamento fra popoli in conflitto, con particolare riguardo alla tragica questione mediorientale.

Aveva ventidue anni quando si esibisce per la prima volta a Catania. Sono trascorsi diciassette anni, è diventata una star ma non ha mai dimenticato la città “du Liotru” dove ha fatto ritorno circa una settimana fa dando vita ad un concerto davvero emozionante. Accompagnata dal suo storico chitarrista Gil Dor, Noa si è esibita anche con Mira Awad, cantante arabo-israeliana di grande talento, con la quale duetterà a maggio all’ “Eurovision Song Contest” di Mosca. Rappresenterà lo Stato d’Israele lei che è un’ambasciatrice di pace: ‹‹Quale migliore occasione per portare in giro la filosofia del dialogo, dello scambio pacifico››, canta nelle sue canzoni.

E’ una donna di origine ebrea yemenita che attraverso la sua musica racconta la sua terra, ma anche la terra degli altri: americana, siciliana, napoletana… con un accento che per ogni occasione lei riesce a riprodurre quasi a pennello.

Una cantante che ha un’estensione vocale meravigliosa i cui movimenti corporei sul palco nascono spontanei; unica coreografia è la riproduzione della danza nuziale yemenita a completamento di due performance tratte dall’album “Genes & jeans”.

Ama arricchirsi di tante collaborazioni come quella con Nabil Salameh dei ‘RadioDervish’, con la stessa Mira e con tanti altri, attraverso cui “posso conoscere e imparare di più sia dal punto di vista umano sia professionale”.

Porta con le sue esibizioni un incrollabile desiderio che un giorno possa esistere un mondo migliore “per tutti soprattutto per i nostri figli, luci del futuro”.   

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie