English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
No Time To Die: a Matera le riprese del nuovo 007

19 Set 2019 | Nessun Commento | 449 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Dopo l’ultimo episodio del 2015, Daniel Craig sembrava intenzionato a lasciare definitivamente le vesti da James Bond. Spectre sarebbe dovuto essere il quarto e ultimo capitolo con protagonista l’attore nativo di Chester, ma quando il produttore gli propose un nuovo episodio girato in gran parte in Italia, e soprattutto a Matera, con un cachet da 25 milioni di dollari, si è fatto convincere un’altra volta.

La città dei Sassi, Capitale europea della cultura che già ispirò Mel Gibson e Pasolini, si trova ancora una volta a essere set cinematografico. Nelle ultime settimane, infatti, turisti e cittadini si trovano a essere spettatori di conflitti a fuoco, combattimenti acrobatici e inseguimenti da brivido con protagonista la mitica Aston Martin DB5 targata “A 4269 00” del celebre agente britannico.

La produzione – La casa di produzione, Eon Production, ha destinato 12 milioni di dollari da spendere per le riprese di No Time to Die a Matera, Gravina di Puglia, Maratea e Sapri. Per girare quelli che saranno appena 18 minuti di film sono arrivate 600 persone. Il 9 settembre hanno fatto capolino i protagonisti, Daniel Craig e Lea Seydoux, arrivati dal Canada con un jet privato atterrato a Bari.

La troupe cinematografica ha riempito ogni struttura ricettiva della zona, inclusi case vacanza e b&b. Un impatto economico notevole per l’area, che ha visto coinvolti circa 800 operai e professionisti, per mesi impegnati nella costruzione dei 32 set, tra i Sassi e il Parco della Murgia Materana, necessari per la regia di Cary Joji Fukunaga

Tra i vari scenari progettati e realizzati da architetti e falegnami del luogo ci sono: un cimitero in stile americano, con croci e lapidi tutte in legno, costruito in località Murgecchia presso la chiesa rupestre dedicata alla Madonna delle Vergini; un’altra struttura in legno è l’Hotel Balcony build, tre grandi finestre con vista sugli antichi rioni di tufo.

La Trama – L’uscita nelle sale di No time to die è prevista per il 22 aprile 2020. L’attesissimo film sarà il venticinquesimo capitolo della saga più longeva del cinema, originariamente derivata dai libri di Ian Fleming, che è stata capace d’influenzare molteplici aspetti della società, ispirare storie, giochi, canzoni e film.

Questo episodio vede, al fianco dei due già citati protagonisti, la partecipazione del recente premio Oscar Rami Malek, Naomi Harris e Ben Whishaw. La storia inizia in Giamaica, dove James Bond si gode il sole dopo essersi ritirato dall’attività, quando arriva un vecchio amico e agente CIA che ha bisogno del suo aiuto per liberare uno scienziato tenuto prigioniero da un misterioso villain armato di una pericolosa arma tecnologica. Insomma, 007 ha una nuova occasione per scaricare bossoli e adrenalina sui milioni di spettatori attesi nelle sale.

Per chi non vede l’ora e ama gli spoiler, seguendo l’account Instagram @007, giornalmente vengono postati immagini e video delle riprese con le entusiasmanti scene d’azione e momenti romantici tra James Bond e la Bond girl. I tempi sono stati serratissimi, si è lavorato anche la domenica, dato che la produzione era già in ritardo in seguito all’incidente accorso a Craig durante le riprese in Giamaica.

Un’occasione per il territorio – Tutto è avvenuto con il supporto logistico della Lucana Film Commission che dal 2013 ha collaborato a circa 60 film, documentari, cortometraggi e serie tv che hanno fatto emergere anche giovani talenti lucani. Per iniziativa della Regione Basilicata, che l’ha fondata con un finanziamento di 500 mila euro, ogni anno le viene concesso un budget di circa 1 milione euro per far funzionare la macchina organizzativa di quella che aspira a diventare una piccola Cinecittà.

Il nuovo capitolo di 007 è solo un tassello della programmazione culturale di quest’anno per Matera, che sembra aver recuperato quel ruolo di fertile fabbrica creativa, attirando diversi protagonisti della scena mondiale. Numerose le produzioni cinematografiche avviate e 27 le imprese culturali create con 2 mila giovani coinvolti. Tutto ciò lascia un’importante impronta nel territorio con opere di design e architettura, come la stazione delle Ferrovie Appulo Lucane e il teatro all’aperto della Cava del Sole, ma anche tanta esperienza e competenze utili per il futuro a venire.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie