English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Nel segno della giustizia e della legalità tutto pronto per il Concertone del Primo Maggio a Taranto

16 Apr 2015 | Nessun Commento | 835 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

ptUn concerto per non spostare l’attenzione da Taranto e dalla drammatica situazione lavorativa e ambientale legata allo stabilimento dell’Ilva. Un concerto, giunto alla terza edizione, che oltre alla musica, che nel 2014 richiamò 100 mila presenze e scatenò 9 milioni di tweet, non dimentica di lanciare un messaggio politico forte e chiaro nel segno della “giustizia e della legalità”. Per chiedere, tra le altre cose, la chiusura di tutte le fonti inquinanti, la riconversione industriale di Taranto, l’impiego degli operai Ilva e dell’indotto nelle operazioni di bonifica, l’esenzione ticket per tutti i residenti per patologie legate all’inquinamento.

Sul palco, sotto la direzione artistica dell’attore tarantino Michele Riondino con il contributo di Roy Paci, saliranno annunciati da Valetina Petrini, Valentina Correani, Andrea Rivera e Mietta: Officina Zoè, Bestierare con il Muro del Canto, Iosonouncane, Velvet, Ilaria Graziano & Francesco Forni, Brunori Sas, Diodato, Bud Spencer Blues Explosion, Francesco Baccini, Andrea Rivera, Roy Paci & Aretuska, Subsonica, Marlene Kuntz, Caparezza, NoBraino, LNRipley, Fido Guido. Ai quali si affiancheranno nei prossimi giorni altri nomi: tra questi dovrebbero esserci Nina Zilli, Mannarino e Fiorella Mannoia.

Non mancheranno anche interventi estranei alla musica, come quello del direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, che nel clou dell’evento ripercorrerà la storia dei decreti salva-Ilva e della famiglia Riva. Ci saranno anche, in contrapposizione con il silenzio che arriva da istituzioni e chiesa locale, anche il sindaco di Messina Renato Accorinti, primo oppositore del Ponte di Messina, e don Plamiro Prisutto, parroco di frontiera in Sicilia in prima linea contro il petrolchimico del “triangolo della morte” Gela-Ragusa-Siracusa.

Accantonati i dissidi del passato con la piazza di San Giovanni a Roma, Michele Riondino, orgoglioso del fatto di non avere sponsor (“Il 1 maggio di Taranto non è in vendita”) procede sicuro per la sua strada. “Il primo anno abbiamo messo la freccia, il secondo ci siamo affiancati, ora tentiamo il sorpasso – dice l’attore -. Non siamo però contro la manifestazione musicale. La contrapposizione è sui sindacati e sulle scelte scellerate che hanno fatto a Taranto. Per questo non potrà esserci gemellaggio”

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie