English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
N.5 Culture Chanel, a Parigi si celebra la storia della moda e del profumo

10 Mag 2013 | Nessun Commento | 1.963 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

N.5 Culture Chanel
«Un profumo da donna a partire dal profumo di donna»: la storia di Chanel N.5, tra le fragranze più famose e vendute al mondo, è raccontata in una mostra che è inaugurata domenica al Palais de Tokyo di Parigi, dopo aver fatto tappa a Mosca, Shanghai e Pechino.

Dal contesto storico – la storia d’amore tra Coco e Arthur Capel e le avanguardie artistiche del tempo – alla sua creazione nel 1921, fino alla nascita del mito, tra pubblicità culto e testimonial d’eccezione da Marilyn Monroe (indimenticabile la sua battuta quando parlando di seduzione con i giornalisti rivelò che la notte indossava solo qualche goccia di Chanel N.5) a Brad Pitt, primo volto maschile associato a una fragranza femminile.

In mostra fino al 5 giugno oltre 200 oggetti, racchiusi in teche di vetro secondo una scenografia minimalista, tra dipinti, foto, libri, filmati, documenti d’archivio e oggetti da collezione come il primo flaconcino di Chanel N.5, la prima brochure del prodotto e la prima stampa pubblicitaria con testimonial Coco Chanel. Ma anche opere di Picasso, Picabia, Man Ray, Cocteau, Stravinsky, che riflettono le sua passione per l’arte e l’amicizia con pittori, musicisti, poeti, intellettuali del tempo, fonte d’ispirazione per le sue creazioni.

«L’esposizione che s’intitola ‘N.5 Culture Chanel’ – spiega il curatore, Jean-Louis Froment – vuole analizzare i legami stretti tra il profumo con la sua epoca e con le correnti di avanguardia che l’hanno attraversata. Oltre alle molteplici ispirazioni che hanno nutrito l’universo e l’immaginario di Mademoiselle Chanel».

La storia di Chanel N.5 comincia nel 1920, quando Coco Chanel, pseudonimo di Gabrielle Bonheur Chanel, la sarta-stilista che ha rivoluzionato la moda introducendo nel guardaroba femminile i pantaloni, entra in contatto con il profumiere degli zar, il francese Ernest Beaux, e gli affida una missione: creare «un profumo da donna a partire dal profumo di donna», che diventerà il profumo emblematico della maison Chanel. Una miscela di essenze naturali e sintetiche, basata sull’essenza non di un unico fiore come i tradizionali profumi femminili dell’epoca, ma su un bouquet di ben 80 essenze, in particolare gelsomino, rosa e sandalo. Emblematico anche il nome: il numero 5, quello preferito di Gabrielle che era superstiziosa (sulla sua scrivania teneva sempre un tarocco) e che rimanda anche alla «quinta essenza» al ‘quinto elemento». Quindi il flaconcino, molto maschile (richiama un fiaschetto di whisky), dalle linee pulite ed essenziali, con l’emblematica doppia C e l’etichetta da laboratorio, e infine la confezione bianca profilata di nero.

«Nato dallo spirito del momento, dalle aspirazioni di una donna e da quelle di un’epoca intera, questo profumo rivela l’approccio creativo, visionario e unico di Chanel – osserva il curatore -. L’effetto culturale che accompagna N.5 e l’aurea singolare che lo circonda offrono a questo profumo l’immortalità».

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie