English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Marco Massa and friends nel tempio della musica di milano

18 Set 2012 | Un Commento | 1.292 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

MarcoMassa

Domenica sera il Blue Note di Milano ha dedicato la serata al cantautorato italiano, presentando un artista milanese della vecchia scuola, Marco Massa.

Marco è uno di quegli artisti che esprimono con la musica le parole. I testi sono sentiti, nostalgici, emozionanti, raccontano storie di vita, di luoghi, di passato.

Il locale era gremito e l’atmosfera era quasi famigliare. Accanto a lui sul palco si sono susseguiti una serie di artisti che condividono con Marco un’amicizia sia di vita che di musica. Primo fra tutti un grande pianista jazz, pietra miliare del nostro patrimonio musicale, Renato Sellani, che nella sua vita ha affiancato alcuni dei più grandi nomi del jazz, basti citare Chet Baker e Billie Holiday. Sellani presenta Marco massa come un suo alunno, che ama e che stima per le sue capacità vocali.

Dopo Sellani sono saliti sul palco artisti del calibro di Claudio Sanfilippo, Toni Melillo, Maurizio Marsico, Manfredi Trugenberger, che hanno “giocato” con le canzoni del Massa, come in una jam. Compagni fissi invece erano il percussionista Francesco D’Auria, che col suo hang colorava le canzoni di sonorità magiche di paesi lontani, Caterina Palazzi, contrabbassista dal tocco raffinato e gentile, e infine il trombettista Luca Calabrese, che personalmente ho apprezzato molto per l’espressività dei suoi interventi.

Ospite di onore della serata, un compagno di tour di Massa, il cantautore Francesco Baccini, che prima di duettare con Marco nell’interpretazione di alcuni pezzi dello stesso e di omaggiare Tenco, ci ha regalato dei frammenti dei suoi più grandi successi. Particolarmente coinvolgente per il pubblico milanese è stata l’interpretazione del pezzo che ha conferito a Massa il premio Sergio Endrigo, “Cara Milano“, descrittivo di questa città difficile da vivere, ma che al tempo stesso non si può smettere di amare.

E’ stata una serata diversa dai consueti appuntamenti del Blue Note, ma al tempo stesso piacevole e coinvolgente.

.

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie