English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
L’urban art per valorizzare il complesso parrocchiale di San Giovanni Battista a Lecce

4 Giu 2016 | Nessun Commento | 792 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

leIl muro che non separa, ma che anzi mette insieme. Un muro che diverrà espressione permanente della voglia di esserci, di sentirsi finalmente – e a pieno titolo – parte della città e del suo futuro: questo l’obiettivo del progetto “Il muro che unisce – An urban art project“, promosso dalla comunità parrocchiale di San Giovanni Battista, attiva nel quartiere Stadio Lecce, con il patrocinio di Accademia di Belle Arti e Comune di Lecce.

Nel periodo che va dal 16 al 22 giugno 2016, infatti, una nutrita schiera di artisti internazionali – graffiti-writing, aereosolart, street-art, poesia d’assalto, calligraffiti – si impegneranno nella realizzazione di un esteso murales sulla superficie esterna del muro di recinzione del complesso parrocchiale di San Giovanni Battista a Lecce, lungo circa 260 metri, per un totale di 676 metri quadrati. Gli artisti in azione, sotto il coordinamento artistico di Dado, street artist italiano, proverranno da tutta Italia: Kerotoo, Fenix Asar, Peeta, Made, Cheone, Crea, Corn 79, Etnik, Cekos Art, Camardo e Davide. Al termine dell’evento verrà realizzato un catalogo digitale che sarà pubblicato in maniera permanente sul sito della comunità parrocchiale.

“Obiettivo dell’iniziativa – spiegano gli organizzatori dell’evento – è la valorizzazione dell’intero complesso architettonico di via Novara come esempio di architettura nazionale e internazionale, riaffermando il suo alto livello qualitativo ed estetico attraverso l’invito alla collaborazione di artisti dalla confermata esperienza nel linguaggio tecnico-espressivo dell’Urban Art”. Il complesso parrocchiale in questione è infatti attualmente considerato – viene sottolineato nel comunicato – “tra le opere d’architettura e d’arte contemporanea più significative del Salento, non solo per la presenza di opere realizzate da artisti internazionali come Mimmo Paladino e Armando Marrocco, ma soprattutto per la rappresentazione e il risultato d’insieme che gli architetti Franco Purini e Laura Thermes sono riusciti a ottenere da una struttura che, perfettamente inserita nel territorio parrocchiale, definisce nella sua globalità un’architettura capace di costruirsi come ‘totalità’, dunque a sintetizzare perfettamente l’istanza di coesione virtuosa verso cui tendere”.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie