English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
L’Università del Colorado studia il modo per organizzare viaggi nello spazio utilizzando le alghe

4 Apr 2019 | Nessun Commento | 502 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Alga«Una delle maggiori sfide nella preparazione per i viaggi spaziali a lungo termine è quella di trovare un modo per produrre gli elementi essenziali alla sopravvivenza: cibo, rimozione dei rifiuti, protezione dalle radiazioni, produzione di acqua e di ossigeno» spiegano i responsabili di AlgaNews.net (www.alganews.net), il nuovo portale dedicato al mondo delle alghe.

Le loro straordinarie proprietà le aveva già scoperte il medico francese pioniere della fitoterapia Jean Valnet che nel 1948 individuò scientificamente il potere curativo delle alghe.

«Grazie alle alghe il futuro è sempre più verde. Per ciascuna delle esigenze umane, dall’alimentazione alla medicina, dalla cosmetica alla produzione di carburante, dalla rimozione del calore all’eliminazione dei rifiuti, dalla rivitalizzazione dell’aria e dell’acqua alla protezione dalle radiazioni, fino ad arrivare alla produzione di oggetti e materiali, le alghe hanno mostrato risultati promettenti» puntualizzano gli ideatori di AlgaNews.net che vogliono sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sorprendenti proprietà di questi straordinari organismi.

In quanro ai viaggi spaziali, per sopravvivere anni ed anni anni su un’astronave, non si può portare con sé tutto ciò di cui si ha bisogno, ma è indispensabile poterlo produrre in autonomia. Per questo esistono molteplici soluzioni per ogni singola esigenza, ma ora l’ultima frontiera della ricerca indica che le alghe possono risolvere in un’unica soluzione tutte le esigenze e diventare così la chiave per inaugurare i viaggi spaziali a lungo termine.

«Il mio gruppo di ricerca crede che sia possibile affrontare tutti i bisogni metabolici dell’astronauta con un unico sistema di alghe» afferma Emily Matula, ricercatrice dell’Università del Colorado e NASA Space Technology Research Fellow.

Matula sta attualmente lavorando ad una ricerca per eliminare il calore residuo utilizzando sistemi simili a quelli a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). L’intenzione è quella di alloggiare all’interno della stazione una serie di bobine piene d’acqua. Quando il calore viene rilasciato dagli astronauti l’acqua si riscalda e quando raggiunge una certa temperatura viene pompata su una piastra che è a sua volta collegata all’esterno della stazione spaziale. Il calore si sposta dall’acqua alla piastra, venendo quindi espulso fuori dalla ISS.

«Dato che abbiamo un certo volume assegnato ai cicli d’acqua, la mia idea era di riempire i circuiti d’acqua con coltura algale in modo che da avere due processi del sistema di supporto vitale affrontati con un’unica soluzione» spiega la ricercatrice.

I risultati della ricerca non sono ancora stati pubblicati, ma la specialista in bioastronautica assicura che «questo sistema ha il potenziale per risparmiare su massa, potenza e volume lanciati in orbita ed è in grado di rivitalizzare l’aria rimuovendone dell’anidride carbonica e producendo ossigeno, operazione essenziale per consentire agli astronauti di respirare».

Il sistema funziona sicuramente sulla Terra: le stime registrano che la quantità di ossigeno fornita dalle alghe è compresa tra il 50 e l’80% del totale. In passato ne è già stata confermata l’efficacia attraverso un esperimento portato avanti nel 1961 in Russia, dove un uomo visse per 30 giorni in una stanza di soli 4,5 metri cubi, usando solo alghe per trasformare l’anidride carbonica in ossigeno. Dopo appena 3 giorni i livelli potenzialmente nocivi di monossido di carbonio si erano stabilizzati.

Anche l’esperimento «Space Algae» della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale ha studiato questo fenomeno. Nell’arco di 6 mesi, i ricercatori hanno indotto mutazioni sottoponendo le alghe alla luce UV, per poi coltivare ogni diverso ceppo per 40 generazioni.

«Volevamo trovare un modo più pratico per far crescere le alghe nelle culture liquide nello spazio» spiega Mark Settles dell’Università della Florida, che è stato uno dei pionieri del progetto.

Altra applicazione è poi quella legata l’uso di alghe come fonte di cibo. E poi ancora per la schermatura delle radiazioni: nello spazio, gli astronauti sono bombardati da particelle altamente energetiche note come radiazioni cosmiche, bloccare quelle radiazioni è la chiave per sopravvivere nello spazio.

Le alghe possono inoltre contribuire anche alla rimozione dei rifiuti. Se i rifiuti umani vengono utilizzati come fonte di cibo per le alghe, esse possono riciclare sostanze nutritive come il fosforo e l’azoto in una forma che gli astronauti potrebbero potenzialmente consumare. E questo potrebbe essere utile anche sulla Terra: i Paesi a risorse limitate potrebbero essere interessati ad utilizzare le alghe per la rimozione dei rifiuti industriali o umani.

«Infine, si sta studiando l’utilizzo di alghe nella produzione di oli combustibili. Quando le alghe sono nutrite con azoto o zolfo, queste producono oli densi di energia. Si sta quindi verificando se la crescita delle alghe nello spazio possa produrre più petrolio che sulla Terra» sottolineano i responsabili di AlgaNews.net.

A lungo termine, questo potrebbe essere utile anche per la produzione di materiali nello spazio: gli oli prodotti dalle alghe possono essere infatti utilizzati non solo per produrre combustibile ma anche bioplastica.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie