English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Lombardia, terra dai mille tesori non più nascosti

8 Dic 2010 | Nessun Commento | 2.195 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Lombardia
Chi pensa alla Lombardia solo come “regione lavoro”, ignora i mille tesori che invece nasconde. Un susseguirsi di territori, località e percorsi, ognuno caratterizzato da elementi naturali e culturali unici nel loro genere, alcuni noti e altri tutti da scoprire.
Partiamo da Milano, convulsa e produttiva, centro nevralgico dell’economia del Paese. Tramontata l’epoca della città da bere, oggi Milano si prepara all’Expo 2015: cantieri aperti insieme alle polemiche e un groviglio di architetture ultramoderne che stanno trasformando i lineamenti del capoluogo. Per chi ha voglia di andare oltre, alla scoperta dei giardini nascosti e fioriti, (meravigliosi quelli settecenteschi in Porta Venezia) attraverso itinerari che sommano la storia all’arte, Milano è una miniera inesauribile di sorprese.
Prendiamo Brera ad esempio, con la sua Pinacoteca, i caffè all’aperto, gli antiquari e le boutique esclusive. Il Castello Sforzesco, invece e il suo Parco Sempione, un’enorme area verde con laghetti, prati, boschi e ponticelli è anche ricca di monumenti (l’Arena Napoleonica, la Torre progettata da Giò Ponti e la Triennale).
E ancora, il Duomo, una profusione di gotico lombardo tornato algido dopo l’accurato restauro, e la sua Galleria (Vittorio Veneto), il salotto della città che ospita antichi caffè, ristoranti, boutique e storiche librerie. Poi, Piazza Mercanti e i suoi edifici storici che rappresentano la cultura milanese dal MedioEvo al seicento: il Palazzo della Ragione del 1200, la Loggia degli Osii, il seicentesco palazzo delle Scuole Palatine e il Palazzo dei Giureconsulti. Inestimabili anche le basiliche di Sant’Ambrogio (379 d.c.), di Sant’Eustorgio, di San Lorenzo Maggiore e Santa Maria delle Grazie.
E poi i musei (la Pinacoteca Ambrosiana che espone capolavori del Caravaggio, Leonardo Da Vinci, Raffaello e Botticelli) e teatri, La Scala in vetta. Infine i Navigli, con l’antica Darsena di Porta Cicca. Quello grande e bohemienne e il Pavese, sono alcuni dei luoghi più suggestivi di Milano.
LombardiaProseguendo nell’itinerario andiamo alla scoperta delle incisioni rupestri della Valcamonica, affascinante museo all’aperto che racconta una lontana civiltà dell’età del Ferro, o ai reperti archeologici di epoca romana di Brescia e Sirmione, a testimoniare la presenza di Roma nella regione che ha lasciato il segno anche nell’impianto urbanistico di numerose città lombarde.
Il MedioEvo è l’epoca della grande fioritura artistica, culturale e spirituale lombarda: le basiliche che oggi ammiriamo risalgono a quel tempo. Poi vennero i Longobardi, che fissarono in Lombardia il cuore del regno, lasciando testimonianze artistiche a Pavia (Cripta di Sant’Eusebio), a Monza (la corona ferrea e altri capolavori di oreficeria longobarda) e a Brescia (monastero di San Salvatore).
A cavallo del “mille” è il momento dello splendido periodo del romanico, che dalla Lombardia si diffonde in Italia e in Europa. Esempi mirabili si possono ammirare a Pavia, Como, Bergamo, Cremona e Mantova. E nello stesso periodo sorgono nei dintorni di Milano gli splendidi complessi cistercensi delle abbazie di Chiaravalle, Viboldone e Mirasole .
Il gotico invece coincide con l’affermazione delle signorie (i Visconti a Milano ed i Gonzaga a Mantova) quando gli edifici religiosi rielaborano i motivi gotici inserendoli nella grande tradizione romanica, dando vita al “gotico lombardo”.
Il tour nel passato prosegue con i castelli, che da sedi militari si trasformano nei secoli in residenze principesche (Castello Visconteo a Pavia o Sant’Angelo Lodigiano) che con la loro mole imponente caratterizzano le città ed il paesaggio lombardo.
Durante il Rinascimento arrivano in Lombardia artisti come Leonardo e Bramante, Leon Battista Alberti e Giulio Romano, il Mantegna e Pisanello per lavorare nelle corti degli Sforza e dei Gonzaga. Questo esercito di geni ha firmato capolavori che sono patrimonio dell’umanità: il Cenacolo, la Cappella Colleoni (Bergamo), Palazzo Te e Palazzo Ducale (Mantova), la Certosa di Pavia.
Dopo gli splendori rinascimentali, arrivarono quelli rococò e neoclassici con i grandi teatri, i palazzi e le splendide ville nobiliari barocche, neoclassiche e più tardi liberty, circondate da parchi e giardini, costruite in luoghi di grande incanto naturalistico.
Dal Settecento ai giorni nostri , passando attraverso il liberty per arrivare al Razionalismo e al Futurismo. Oggi come ieri, la forza della Lombardia è nella sua vocazione al futuro, nella vivacità culturale e curiosità verso tutte le correnti artistiche, che si manifesta con grandi mostre, eventi e spazi, realizzati da architetti ed artisti internazionali, che consacrano il suo ruolo di “capitale del nord”.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie