English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Le 300 mummie di Roccapelago dopo secoli ritornano alla luce

11 Lug 2011 | Nessun Commento | 1.761 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

chiesa san paoloVestivano alla montanara, venivano sepolti con le mani incrociate in segno di preghiera e la mandibola fasciata (per evitare lo spalancamento della bocca) e i più fortunati avevano la lettera “componenda” o di “rivelazione” che, se portata sempre con sè, garantiva protezione e grazie divine in cambio di preghiere. Sono alcuni dei segni particolari dei circa 300 cadaveri inumati – di cui un centinaio mummificati – scoperti nella cripta della chiesa di San Paolo a Roccapelago di Pievepelago, sull’Appennino modenese.

I cadaveri di adulti e bambini, ancora con i propri abiti e oggetti personali, sono stati sepolti tra il ‘500 e il ‘700. Ma in questo caso la mummificazione non è frutto di un rito umano collettivo, ma solo di un mix fortunato di ventilazione e clima asciutto che ha essiccato i cadaveri di un’intera comunità per due secoli e mezzo.

dettaglio mummiaDa un primo esame delle mummie sono emersi alcuni aspetti su stile di vita, frequenza e distribuzione dei decessi di adulti e bambini, longevità maschile e femminile. Molte mummie hanno anelli nuziali, collane, crocifissi, rosari e medaglie, indossano abiti semplici in lino, cotone o lana grezza lavorati in loco, a conferma della vita povera e sobria della comunità, e nulla di seta, al massimo qualche bordo in merletto. Ritrovati anche pezzi di una rara lettera “componenda”.

A questo punto ulteriori studi potranno ricostruire la storia antropologica e culturale della piccola comunità recuperando non solo l’aspetto fisico, il sesso e l’età dei defunti ma anche la loro dieta, le carenze alimentari e persino le malattie. E l’obiettivo è di arrivare a una ricostruzione in 3D delle sepolture più significative da parte, fra gli altri, di Soprintendenza per i beni archeologici dell’Emilia-Romagna, Università di Bologna, Università di Modena, Fondazione cassa di risparmio di Modena che oggi hanno presentato il ritrovamento che è stato annunciato una decina di giorni.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie