English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Latte e sangue di Carlo Silini, storia di violenza e di resilienza (Gabriele Capelli Editore)

31 Ott 2019 | Nessun Commento | 116 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

“L’amore è un animale che piange, l’amore è un corpo che urla. Gioia e dolore si fondono in un tutto indistinto, l’importante è ballare”. Sono i pensieri di Maddalena de Buziis, la protagonista del romanzo storico di Carlo Silini Latte e sangue. Riflessioni affiorate dalla mente di una giovane donna immersa in una totale comunione con la natura, un’anima pura che ha conosciuto il fiele e il miele della vita, e che spera di continuare a ballare indisturbata, di non dover più avere paura. Ma non è il destino di questa intensa protagonista, che dovrà ancora attraversare l’inferno per poter scorgere l’alba di un giorno migliore. In questa storia di colpe ataviche e di sciocca superstizione, di cattiveria indicibile e di libertà negate, la figura luminosa di Maddalena si staglia nel panorama oscuro e rozzo del Seicento ticinese. L’autore alterna figure storicamente esistite, come l’inquisitore Camillo Campeggi, ad altre di pura invenzione, che sembrano però altrettanto consistenti. Maddalena è l’esempio lampante di un personaggio costruito con maestria: la sua carnalità, la sua mente lucida e la sua anima impavida bucano la pagina e arrivano potenti fino al lettore, spiazzato da tanta umanità. È il ritratto di una donna resiliente, coraggiosa e altruista; è il racconto di come anche la più brutale cattiveria non può niente contro la potenza dell’amore e del sacrificio.

Lugano, 3 giugno 2016 – Carlo Silini durante la conferenza ”La liberta’ e’ ancora un valore?” a Poestate nel patio del palazzo civico di Lugano (FOTO FIORENZO MAFFI)

In questo romanzo dalle tinte cupe e ricco di suspense e colpi di scena, si racconta dell’ossessione di un uomo senza scrupoli deciso a distruggere l’oggetto della sua bramosia; si narra di fughe rocambolesche e di assassini spietati che non hanno nulla da perdere. E si mostra la cruda realtà di un processo per stregoneria di cui Maddalena sarà vittima nel convento comasco di San Giovanni in Pedemonte, un luogo che ha davvero visto in passato a che bassi livelli di efferatezza può arrivare l’essere umano. Un processo raccontato senza filtri, da cui emerge la pietà per le vittime innocenti che hanno conosciuto l’insensatezza della superstizione. Latte e sangue è un inno alla vita mentre si racconta della naturale propensione dell’uomo verso la brutalità e la morte, un romanzo storico che ricorda di un tempo in cui il valore dell’esistenza umana era ridotto al minimo. Ma nonostante tanto dolore e sangue, alla fine si ricorderà con più forza la sinuosa danza di Maddalena tra i boschi e nelle aule del tribunale, una danza disperata e struggente, una danza di vita e di passione.

Matteo Legin

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie