English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
L’artista Anish Kapoor balla il ‘Gangnam’ style per i diritti umani

28 Nov 2012 | Nessun Commento | 1.695 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

gangnamGangnam style per i diritti umani: lo scultore anglo-indiano Anish Kapoor si è esibito nella ‘cavalcata’ del techno-rap sudcoreano Psy scuotendo i polsi incatenati da manette e con un nastro adesivo nero sulla bocca. Una video-dichiarazione di sostegno al collega Ai Wei Wei la cui personale versione del brano più visto della rete è stata censurata dalle autorità cinesi nello spazio di 24 ore.

In «Gangnam for Freedom di Anish Kapoor e amici», l’artista dell’Orbit al Parco Olimpico di Londra balla e canta con altri 250 artisti e attivisti indossando maschere in bianco e nero con i volti di Ai e di Gao Zhisheng, un militante per i diritti umani cinese scomparso dal 2009.

Appoggiato da Amnesty, Liberty e Index on Censorship, il video di Kapoor contiene riferimenti altre vittime della della libertà di parola come il complesso delle Pussy Riot in Russia e di «giornalisti uccisi per aver raccontato violazioni del diritti dell’uomo nel mondo». Il video di Ai – dice lo scultore – è stato tolto dal Web in 24 ore: «Noi speriamo di rimpiazzarlo».

Partecipano all’iniziativa noti artisti come Mark Wallinger, lo scrittore Hanif Kureishi, la direttrice del Southbank Centre di Londra Jude Kelly. Istituzioni come il Guggenheim, e il MoMA di New York, il Museo delle Arti di Filadelfia, il Museo di Arte Contemporanea di San Diego e il LaCMA di Los Angeles hanno prestato gli sfondi: «Il nostro film vuole prendere posizione a favore dei dissidenti di tutto il mondo, dell’importanza della libertà di espressione», ha detto Kapoor.

Con oltre 803 milioni di contatti, ‘Gangnam style’ è diventato di recente il video più visto nella storia di Youtube. La clip di Psy ha battuto persino ‘Baby’ di Justin Bieber, idolo della adolescenti di tutto il mondo.
Uscito lo scorso luglio, il video – che ha tra i suoi fan anche Barack Obama e il sindaco di Londra Boris Johnson – ha fatto il giro del mondo su internet e Psy, vero nome Park-Jae-Song, è diventato una super star planetaria. «Non ci sono lingue richieste nel mondo della musica», ha detto il segretario generale dell’Onu Ban Ki moon definendo il techno-rap del suo conterraneo «un opera di pace, perchè in questa era di instabilità e intolleranza la musica ci offre la possibilità di promuovere una migliore comprensione tra i popoli».

Gangnam è un quartiere chic di Seoul e nel video il rapper, che danza fingendo di cavalcare in luoghi lussuosi della zona, fa la parodia della vita da ricchi.

[wp_youtube]tcjFzmWLEdQ[/wp_youtube]

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie