English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
La vigna di Dioniso. Vite, vino e culti in Magna Grecia in mostra a Palazzo Simi

6 Lug 2011 | Nessun Commento | 3.085 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

La vigna di Dioniso. Vite, vino e culti in Magna GreciaLa mostra La vigna di Dioniso. Vite, vino e culti in Magna Grecia, che resterà aperta fino al 20 novembre a Palazzo Simi a Bari, è già stata presentata presso il Museo Nazionale Archeologico di Taranto nel 2010, in occasione del 49° Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia. L’esposizione è stata realizzata dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia in collaborazione con l’ Università degli Studi del Salento, l’Università degli Studi di Bari, l’Università degli Studi di Salerno e il Centro Jean Bèrard.
La versione barese della mostra ha lo scopo di consentire a un pubblico più vasto la fruizione di importanti contesti archeologici d’ambito pugliese spesso poco noti.
In mostra 137 reperti, fra cui ceramiche figurate d’importazione corinzia, attica a figure nere e a figure rosse, ceramiche di produzione italiota, ceramica a vernice nera e ceramica indigena; armature, contenitori in bronzo, monete, oggetti votivi in terracotta. I luoghi di provenienza dei manufatti sono soprattutto Taranto, Rutigliano, Ceglie del Campo, Cavallino. Di tutti i reperti, l’unico a non provenire dal MARTA (Museo Nazionale Archeologico di Taranto) è il gruppo fittile policromo raffigurante un banchetto, prestato dal Museo Nazionale Archeologico di Egnazia. Gli oggetti, tutti di grande importanza storica e scientifica, sono destinati all’esposizione permanente nel MARTA, riaperto al pubblico solo di recente e non ancora completato.
La mostra è incentrata sulla figura complessa e poliedrica di Dioniso, il dio dalla “doppia porta” o che nasce due volte, e sui riti in suo onore. Divinità ambivalente nata da Zeus, re degli dei, e da Semele, da questi incenerita, egli viene estratto dal grembo materno dallo stesso divino genitore che lo cuce nella propria coscia, dalla quale Dioniso nascerà una seconda volta. Ad illustrare l’episodio, accoglie i visitatori un cratere apulo a figure rosse, proveniente da Ceglie del Campo.
La vigna di Dioniso. Vite, vino e culti in Magna GreciaRaffigurato barbato e d’aspetto solenne o imberbe e androgino, Dioniso (Bacco) è soprattutto il dio del vino e il suo culto è misterico, può essere praticato solo da iniziati, ed ha un aspetto salvifico, che gli permetterà, in età tarda, di contaminarsi con culti di altre religioni. Il culto dionisiaco è multiforme come il dio stesso, e viene attuato in molte maniere: il sacrificio di animali e la danza orgiastica, accompagnata da sistri e tamburelli, praticata dagli adepti nelle ore notturne nel folto dei boschi, sono il tramite per entrare in contatto col dio, così come lo è la bevuta nel simposio, l’agone dell’atleta, il rito funebre, la rappresentazione teatrale, che trae origine dai riti in suo onore. Il culto di Dioniso è diffuso in tutta l’antica area mediterranea, perché il dio promette la salvezza e la felicità ai suoi seguaci. Un messaggio di speranza che differenzia Dioniso dal resto delle divinità olimpiche.
Il percorso espositivo è diviso in più sezioni tematiche, supportate da un ricco apparato illustrativo e didattico, che documentano, attraverso un gran numero di reperti figurati, i molteplici aspetti del culto e la diffusione della coltivazione della vite nel bacino del Mediterraneo.

La prima sezione è dedicata alla coltivazione della vite e alle sue più antiche origini. Se ne analizza la diffusione insieme alle tecniche produttive del vino e al suo commercio. La sezione successiva è dedicata alle feste religiose, che hanno il vino per protagonista. L’uso del simposio è testimoniato dal corredo della Tomba degli Atleti, proveniente da Taranto, i cui reperti documentano la diffusione della pratica del simposio fra le classi emergenti della colonia laconica, in età tardo-arcaica. L’esposizione comprende i vasi, dai nomi e dalle forme diverse, destinati al consumo del vino durante il simposio: oinochoai, kantharoi, kylikes, rhyta, spesso raffiguranti scene del culto di Dioniso, e cortei di Menadi e Satiri.

La vigna di Dioniso. Vite, vino e culti in Magna GreciaNelle zone pugliesi della Messapia e della Peucezia, si ritrovano modelli culturali propri del mondo greco, relativi al culto funerario e al consumo del vino. I corredi provenienti dalle necropoli di Rutigliano e Cavallino testimoniano il collegamento della cultura indigena col mondo greco.
Lo splendido cratere proto-italiota del “Pittore delle Carnee”, proveniente da Ceglie del Campo, raffigura Dioniso che assiste alla frenetica danza di una Menade in preda a delirio. L’ultima parte della mostra riguarda quindi il tema dell’ebbrezza come “porta di comunicazione” col dio. Meravigliose terrecotte figurate riproducono i personaggi del corteo dionisiaco, danzanti o addormentati dopo la danza orgiastica. Notevole per originalità espressiva il banchetto policromo da Egnazia.
La riuscita dell’edizione barese, oltre che alle professionalità della Soprintendenza, è dovuta alla sensibilità di sponsor come Ance-Sezione Costruttori edili di Bari e Barletta, Andria, Trani, il Rotary Club- Bari, Morfimare, la Fondazione Taranto e la Magna Grecia, la Scorpione editrice.

LA VIGNA DI DIONISO.
VITE,VINO E CULTI IN MAGNA GRECIA

Fino al 20 novembre 2011
Palazzo Simi, Strada Lamberti, BARI, Città Vecchia.
Aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.
Ingresso gratuito. Infotel: 080 527 5451

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie