English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
La fusione Oriente-Occidente nel Jazz di Arun Ghosh and ‘Horn e Bass” quintet

28 Gen 2013 | Un Commento | 1.766 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

lsd_AG_1

Come ci racconta Gianni Gualberto, nei preziosi libretti disponibili ad ogni concerto della rassegna Aperitivo in concerto, se si parla di Jazz, oltre i confini afro-americani, e ci si spinge verso il continente Asiatico, di sicuro il Giappone e le Filippine sono un territorio dove il jazz ha piantato le sue radici e viene seguito con fermento. In India invece, Il Jazz occupa un posto decisamente marginale. Eppure, la musica indiana ha apportato un grande contributo nella contaminazione del Jazz, del pop e del rock anglo-americano, basti pensare ad alcuni pezzi dei Beatles dove il sitar ha una parte molto importante nello sviluppo della melodia, come Norwegian Wood, Love me too, Within You Without You, o ad alcune composizioni di Coltrane, Davis, Dolphy, Brubeck e tanti altri…

Aperitivo in concerto domenica scorsa ci ha presentato un giovane ma brillante clarinettista indo-britannico, Arun Ghosh, con il gruppo Horn E Bass Quintet, il cui stile è un perfetto connubio fra Oriente ed Occidente, un miscuglio perfetto fra sonorità gitane, melodie bengalesi, hip pop inglese e Jazz. È uno stile derivante sia dal suo percorso culturale che dalla sua formazione: nato a Calcutta, allevato a Bolton, maturato musicalmente a Manchester, deve le sue radici stilistiche alla figura del noto sassofonista Joe Harriott, padre della Indo-Jazz Fusion. Il suo percorso, sempre in bilico fra la cultura indiana e occidentale, lo rende artefice di un linguaggio musicale universale, dove il ritmo e la melodia, la modernità e la tradizione si esprimono a braccetto, generando qualcosa di coinvolgente e mai scontato.

lsd_AG_7

Sono uscita estremamente affascinata da questo gruppo e dalla figura di Arun, perché ritengo che quando l’ego non prende il sopravvento sull’arte e la gioia di suonare esplode sul volto di un musicista, l’energia positiva che ribolle nell’animo, viene fuori in ogni nota, invade l’aria…ed è esattamente quello che è accaduto al Teatro Manzoni ieri mattina. Si respirava, attraverso la musica, l’apertura che la multi cultura può offrire e insegnare. Accanto a lui sul palco due sassofonisti: Idris Rahman al tenore e Chris Williams al contralto. Il dialogo fra i tre difficilmente prevedeva ruoli minori, per lo più dava spazio agli assoli dei singoli o avveniva in contemporanea, ossia il suono dei tre strumenti si fondeva in un unico, energico impatto sonoro. Nelle retrovie a scandire il groove, la sezione ritmica composta da Liran Donin al contrabbasso e basso elettrico e Rastko Rasic alla batteria.

lsd_AG_2

lsd_AG_3

lsd_AG_4

lsd_AG_5

lsd_AG_6

Prossimo appuntamento per Aperitivo in concerto: DJ Krush, Bill Laswell, e Bernie Worrel in Method of Defiance.

Per informazioni: www.aperitivoinconcerto.com

Foto di Mariagrazia Giove, riproduzione non consentita.

[wp_youtube]zmjnNqIuTa8[/wp_youtube]

.

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie