English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
La Fondazione Louis Vuitton a Parigi presenta la collezione di Samuel Courtauld e “A Vision for Painting”

22 Feb 2019 | Nessun Commento | 698 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

impressionisti-fondation-louis-vuitton-mostra-collezione-courtauldLa Fondation Louis Vuitton presenterà la collezione di Samuel Courtauld, l’industriale inglese e mecenate delle arti, per la prima volta da più di sessant’anni, dal 20 febbraio al 17 giugno 2019 a Parigi.   Parallelamente alla presentazione della Courtauld Collection, il resto dell’edificio della Fondation Louis Vuitton sarà dedicato a una nuova selezione di opere della sua collezione, dal titolo A Vision for Painting, dal 20 febbraio al 26 agosto 2019.   I. La collezione Courtauld. Una visione per l’impressionismo: The Courtauld Collection: A Vision for Impressionism “riunisce circa 110 opere, tra cui 60 dipinti e pezzi grafici, che sono principalmente conservati nella Courtauld Gallery o in diverse collezioni pubbliche e private internazionali. Permetterà al pubblico francese di scoprire alcuni dei più grandi dipinti francesi della fine del XIX secolo e dei primi anni del XX secolo a Parigi, sessant’anni dopo la loro prima presentazione nel 1955 al Musée de l’Orangerie.

Questi lavori includono Un Bar aux Folies Bergère (1882) di Manet, La Jeune Femme se poudrant di Seurat (1889-90), Les Joueurs de cartes di Cézanne (1892-96), Autoportrait à l’oreille bandée di Van Gogh (1889 ), Mai più di Gauguin (1897), così come un set di dieci acquerelli di JMW Turner che apparteneva al fratello di Samuel Courtauld, Sir Stephen Courtauld.

I legami di Samuel Courtauld con la Francia hanno determinato lo spirito e le motivazioni della sua collezione. La sua famiglia, originaria dell’Île d’Oléron, emigrò a Londra alla fine del XVII secolo. Dopo essere stato argentiere, i suoi antenati hanno creato un’azienda tessile nel 1794, che è diventata una delle più grandi al mondo all’inizio del XX secolo in seguito all’invenzione della viscosa, una fibra sintetica rivoluzionaria. Samuel Courtauld divenne presidente della compagnia nel 1921 e rimase alla testa fino al 1945. Come appassionato francofilo, passò regolarmente del tempo a Parigi, acquistando spesso opere d’arte da commercianti francesi, consigliato, tra gli altri, dallo storico dell’arte e dal rivenditore Percy Moore Turner.

Nel 1931, il desiderio di Samuel Courtauld di dare al pubblico l’accesso alla storia dell’arte e alle opere lo portò a creare il Courtauld Institute, ospitato nella residenza di famiglia di Home House. Aggiunse settantaquattro pezzi, o metà della sua collezione (dipinti, disegni, stampe), che erano liberamente accessibili agli studenti. Il resto della collezione, così come molte opere che furono acquisite in seguito, furono lasciate in eredità all’Istituto Courtauld alla sua morte.

L’esposizione della Collezione Courtauld incarna lo scopo di Fondation Vuitton di mettere in mostra il ruolo di collezionisti emblematici della storia dell’arte, in seguito alle precedenti mostre organizzate dalla Fondazione che hanno riunito grandi opere del Modernismo, raccolte da prestigiose istituzioni pubbliche: “Les Clefs d’une passion “(2014-2015),” Modtre Moderne: Le MoMA à Paris “(2017-2018) e da collezionisti ispirati:” Icônes de l’art moderne. La Collection Chtchoukine “(2016-2017).   Il percorso del visitatore attraverso la mostra nelle gallerie 1, 2 e 3 è stato sviluppato da un lato sulla base di collezioni eccezionali delle due figure principali, Cézanneand Seurat, e d’altra parte, sulle principali opere di Manet, Monet, Renoir, Degas , Toulouse-Lautrec, Van Gogh, Gauguin e Modigliani.   II. Fondation Louis Vuitton / The Collection: Una visione per la pittura Una nuova selezione di opere Nei tre piani superiori e nella terrazza della Fondation Louis Vuitton è esposta una nuova selezione di 75 opere della collezione (di 23 artisti internazionali), dagli anni ’60 ai giorni nostri. Il tema è la pittura. Questo prende molte forme: figurativo o astratto, espressivo o distanziato. I pezzi di rilievo sono contrastati l’uno con l’altro. Le sale dedicate a Joan Mitchell, Alex Katz, Gerhard Richter, Ettore Spalletti, Yayoi Kusama e Jesús Rafael Soto si alternano a collezioni tematiche di astrazione, spazio e colore. L’impiccagione mostra i modi in cui la pittura non cessa mai di reinventarsi e trasgredire le proprie regole, attingendo alle tecniche attuali di riproduzione.

Dalla sua inaugurazione nel 2014, la Fondazione ha presentato regolarmente una selezione di opere della Collezione. I primi tendaggi sono stati progettati secondo i temi della collezione: Contemplation, Expressionis, Popism e Music / Sound (2014-2016). Le mostre sono state successivamente mostrate nel contesto di eventi specifici, dedicati a Cina (2016) e Africa (2017). Infine, la collezione è stata affrontata da un punto di vista tematico, mettendo in discussione il ruolo dell’umanità nel mondo vivente, nella mostra “Au diapason du monde” (2018).

Ulteriori informazioni: www.fondationlouisvuitton.fr

 

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie