English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
La bellezza dell’asino, la “commedia british” di Sergio Castellitto

30 Nov 2010 | Nessun Commento | 9.851 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Sergio CastellittoA sfidare il Natale ci sarà quest’anno anche una commedia italiana, ma dal sapore un pò british (inizia con un funerale, ndr.), in cui si parla di genitori, di figli e soprattutto di una realtà contemporanea ormai sempre più scandalosamente al silicone. Così, non a caso, ne La bellezza dell’asino di Sergio Castellitto, nelle sale dal 17 dicembre distribuito da Warner Bros, alla fine chi ne esce meglio è un vecchietto di 70 anni che ha una vantaggio su tutti: quello di non volere mostrare neppure un anno in meno di quelli che ha davvero. Il film mette in campo un paradosso. Può una coppia liberal, illuminata, ecosolidale come quella composta dall’architetto Marcello (Sergio Castellitto) e dalla psicologa Marina (Laura Morante) trovarsi spiazzata di fronte alla scelta matrimoniale dell’amata figlia diciassettenne Rosa (Nina Torresi)? Qualsiasi sia la scelta da lei fatta? La risposta è sì, se questa vuole sposare un settantenne (Armando, interpretato da Enzo Jannacci), perchè la vecchiaia, è l’unica cosa oggi davvero imperdonabile. E’ infatti ‘imperdonabilè per gli amici di Marina e Marcello, i vecchi compagni del liceo, con un pò di pancetta e pochi capelli; ‘imperdonabilè per il manager Valentino(Gianfelice Imparato), depresso e assente e, difficile da accettare anche per Duccio (Marco Giallini), cardiologo appesantito dagli anni e dalla vita da sciupafemmine, messo in mutande da una separazione recente. «Uomini attempati che si comportano come ragazzi, genitori di figli che li guardano, con una certa estraneità, avviarsi saltellanti con la sacca dello sport verso la palestra – dice Castellitto nelle note di regia di questo film che ha il soggetto e la sceneggiatura di Margaret Mazzantini-. Madri apparentemente altruiste, in realtà ego-riferite, preoccupate di quelle rughe che inesorabili appaiono sui loro volti». E poi «Una coppia di genitori illuminati si vedono recapitare a casa come fidanzato della figlia minorenne ancora per poche settimane, Armando, un settantenne gentile, affabile, affidabile. Un rivoluzionario perch‚ è l’unico tra gli adulti a non fingersi di un’altra età, non fa parte della categoria sempre più affollata dei finti giovani, di quelli che si tingono i capelli, si siringano di botulino….Non si può buttarlo fuori di casa, bisogna tenerselo tra le scatole almeno per un fine settimana. Con l’aggravante che è il ponte dei morti, festività ferale. Ad uno ad uno saltano i pezzi del puzzle politically correct. In un mondo di deodoranti e di creme spalmate ovunque, il vecchio è portatore di una verità scomoda come una pernacchia in una conferenza inamidata. E il film – conclude il regista-attore – è questa pernacchia, una tragicomica frana che inghiotte i simpatici Sinibaldi, coppia giovanilistica e dialogica, emblema di una certa famiglia di oggi, moderna ed illuminata». Nel cast del film anche Barbora Bobulova, Lola Ponce, Erika Blanc, Lidia Vitale, Gianfelice Imparato e Emanuela Grimalda.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie