English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
L’Orchestra Filarmonica di Torino in concerto con “Puro Beethoven” l’11 maggio

7 Mag 2010 | Nessun Commento | 2.297 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Dora SchwarzbergL’11 maggio nel conservatorio “G. Verdi” alle 21,  l’Orchestra Filarmonica di Torino propone una full immersion nella musica di Beethoven. Si mettono al suo servizio due personalità di spicco: Dora Schwarzberg (in foto)– uno dei talenti più esplosivi della storia del violinismo – e Umberto Benedetti Michelangeli, il direttore che più di ogni altro ha cambiato i canoni interpretativi beethoveniani.

Sui leggii due pagine nate nell’arco di pochi anni, ma che raccontano aspetti diversi della personalità del loro autore: la Sinfonia n. 2 (del 1802) e il Concerto per violino op. 61 (del 1806). La Sinfonia n. 2, dai tratti inquieti e visionari, ci parla di un artista in piena maturazione, a un passo dalla svolta epocale dell’Eroica. In bilico tra prudenza e sfida rispetto ai canoni del sinfonismo settecentesco, questa pagina testimonia la nuova concezione sinfonica di Beethoven, fatta di forme ampie, abbondanza di temi, intensificazione dei contrasti, effetti a sorpresa e umorismo.

Il Concerto per violino (l’unico composto da Beethoven), se paragonato ad altre opere composte nello stesso periodo (come la Sinfonia n. 4 e la n. 5, pagine dalla forza quasi selvaggia), rivela una evidente originalità: luminoso e sereno, rifugge da ogni tensione per privilegiare il carattere lirico, potenziato dagli interventi del solita, orientato all’espressività anche nei passi più virtuosistici.

Dora Schwarzberg è nata tra le quinte di un teatro ebraico dove operavano come musicisti i suoi genitori, da cui ricavò il principio che può essere riassunto nelle parole che guidavano il padre: “il violino deve parlare e piangere!”. Il suo rapporto personale ed artistico con musicisti quali il Prof. Yankelevich, V. Berlinsky, A. Schtern, Isaac Stern, Dorothy Delay, Menuhin ha avuto un’influenza tale su di lei, che un ben noto musicista americano ha dichiarato: “Dora Schwarzberg è un tipico rappresentante della scuola violinistica di Odessa-Mosca-Gerusalemme-New York”.

Umberto Benedetti Michelangeli, iniziati gli studi musicali giovanissimo sotto la guida della zia, eccellente didatta e proseguitili, in seguito, presso il Conservatorio G.Verdi di Milano con i Maestri Conter, Bettinelli e Gusella, si è perfezionato, infine, con Franco Ferrara. Il debutto al Rossini Opera Festival avvenuto nel 2006, con i titoli Die Schuldigkheit des ersten Gebots di Mozart e La cambiale di matrimonio di Rossini, ha rappresentato una significativa apertura alla dimensione del Teatro in Musica. Recentemente, la Casa editrice BMG-Ricordi ha pubblicato la sua orchestrazione delle Proses Lyriques di Claude Debussy.

Infotel. 011-53.33.87

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie