English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Intini vince la sua battaglia in tutela del monocultivar Cima di Mola: il suo olio premiato da Slow Food

6 Lug 2016 | Nessun Commento | 1.216 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

oSalvaguardia della biodiversità, tutela dell’ambiente, coinvolgimento della comunità dei piccoli produttori locali nella creazione di un prodotto proiettato in maniera competitiva nel mercato dei migliori extravergini al mondo. E ancora: studio e ricerca costante, promozione del territorio, ospitalità e diffusione della cultura dell’olio a ogni livello. Sono alcune delle motivazioni che hanno fatto di Olio Intini, pluripremiata azienda pugliese, il candidato ideale per ricevere non soltanto il riconoscimento del Presidio Slow Food per l’extravergine Cima di Mola, ma anche – prima e unica azienda in Puglia – la Chiocciola Slow.

Attento ai valori più autentici e alla salvaguardia della biodiversità, al giovane Pietro Intini si deve la battaglia solitaria per la difesa di una tipologia di oliva da olio praticamente in via di estinzione nell’intera Valle d’Itria, la Cima di Mola. Un prodotto che, con il prezioso supporto di Slow Food, è oggi di nuovo disponibile, in piccoli e preziosi quantitativi che sono valsi a Intini premi prestigiosi in tutto il mondo. La Cima di Mola è una varietà autoctona della zona della Murgia pugliese: raccolta rigorosamente a mano, ha costituito per lungo tempo un emblema della nostra tipicità, ma ha poi subito negli anni un vero e proprio processo di declassamento a favore di cultivar meno difficili. I gravosi costi di raccolta manuale e l’impossibilità di una efficace raccolta meccanizzata hanno fatto sì che la Cima di Mola cedesse il posto a varietà più comuni, di largo utilizzo e meno onerose nei costi di produzione. Consci delle potenzialità di questo piccolo frutto, violentato dall’indifferenza generale e dalla corsa alla quantità a discapito della qualità, gli Intini hanno deciso di riproporre e sostenere l’unicità e la tipicità dell’olio di Cima di Mola. Le difficoltà insite nella lavorazione di quest’olio non sono poche e interessano ogni fase della produzione, ma già dalla campagna olearia 2008/09, il frantoio Intini ha prodottoo2 per la prima volta una piccolissima quantità di olio monocultivar di Cima di Mola.

Ed è stato proprio il prezioso e benefico extravergine monocultivar Cima di Mola a far valere l’ambito riconoscimento a Intini, che è anche la prima e unica azienda in Puglia a ottenere la Chiocciola Slow per lo straordinario lavoro di tutela e interpretazione del territorio. Oggi Intini è l’unica azienda al mondo a produrre un olio extravergine di Cima di Mola, segno concreto di una battaglia vinta: dal recupero delle piante alla creazione di un prodotto straordinario non soltanto dal punto di vista sensoriale ma anche da quello salutistico, un vero alimento nutraceutico con un contenuto in polifenoli, potenti antiossidanti naturali, fino a tre volte superiore a quello contenuto nella media degli altri extravergini. Acclamato dalle giurie internazionali, è certamente il vessillo dell’azienda in tutto il mondo.

Per ulteriori info sull’azienda: www.oliointini.it

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie