English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il poeta, l’amore e la ragazza dagli occhi neri

13 Lug 2009 | Nessun Commento | 2.277 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

Appunti CrepuscolariRecensione della silloge “Appunti Crepuscolari” di Andrea Barsottini

In un clima letterario estremamente vivace come quello odierno, in un panorama brulicante di pensatori, poeti, scrittori, artisti e musicisti, alza la testa dalla mischia e si fa notare la figura e la personalità del giovane scrittore Andrea Barsottini.

Autore di una scrittura che implode nella riflessione più intima e profonda , già al terzo volume, Barsottini si colloca tra gli autori che si nutrono di una poesia fatta di solitudini, di sofferenze urlate nel silenzio dei versi, di dichiarazioni velate d’amore, di emozioni senza tempo, di pensieri nati sulla soglia dell’istante.

E la silloge “Appunti Crepuscolari” (Collana “Gli emersi” – Poesia, Aletti Editore) lascia il sapore di questa universalità concettuale. Qui il genio poetico è padre di un verso, che è frutto di una volontà inconscia di condividere con il mondo le parole più segrete dell’amore. La cifra personale si raccoglie bene e abbraccia l’amore per una donna dagli occhi neri, la notte, i silenzi, la nostalgia, la gioventù, il desiderio più profondo semplicemente di creare.

Incontriamo Andrea Barsottini a Firenze ed è lui a raccontarci del suo cammino emotivo – riflessivo iniziato nell’adolescenza. Dopo un primo approccio con la musica, molto giovane si imbatte nella poesia e nella scrittura, inizia a plasmarle e nelle sue mani le rende strumenti capaci di esternare la propria sensibilità, artistica e umana.

“Sono nato a Firenze il 23 marzo 1971 e penso che il mio desiderio di creare qualcosa non abbia un’origine molto distante da tale data. La mia principale natura letteraria è quella della poesia e traggo di norma ispirazione dalla natura che mi circonda, oltre che da persone dalle quali sono intimamente ispirato”.

Come la ragazza dagli occhi neri, che ricorre spesso nelle sue poesie d’amore non corrisposto, sofferto e per questo puro e poetico, come la natura, volutamente umanizzata capace di provare o ricambiare gli stessi sentimenti offerti, così il vento, la luna, i pini, i petali di rosa, il tramonto, il fruscio del grano ed altri innumerevoli elementi naturali che oltre ad essere parte di un paesaggio sono anche parte di uno scenario interiore. Per Andrea la poesia non è terapia, non è sfogo, ma è arte senza artificio, è vita.

“Quando la poesia mi coglie di sorpresa – racconta – faccio uso del cellulare e immortalo versi e pensieri che altrimenti andrebbero persi”.

E mentre parlo con questo giovane poeta, penso che il fatto in sè faccia sorridere un pò, se si pensa che un cellulare, spesso etichettato come uno strumento generatore di freddi e rapidi sms possa invece raccogliere il calore di un verso o di un aforisma.

“Si può sembrare strano – aggiunge –  eppure più di una volta il cellulare si è trasformato in un taccuino”.

Autore pieno di talento, Barsottini ammette di star preparando materiale per una quarta silloge e soddisfa una naturale curiosa come me, offrendomi alcuni fogli, dove si leggono dei versi che si interpretano da sè: “Acre aroma di ricordi mai vissuti solleticano la mia memoria viva, laddove riposano i sogni perduti, scavalcando ogni confine e diva”.

Da leggere!!!

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie