English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il metodo Hoffman da oggi in un seminario intensivo al Nilaya di Bari

8 Giu 2013 | Nessun Commento | 2.171 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

metodo Hoffman
E’ stato presentato ieri, al Cafe’ Frulez di Bari, il seminario esperienziale con il metodo Hoffman che si terra’ oggi, 8 giugno, al Njlaya Club, dalle 10,00 alle 18,30. Presenti, tra gli altri, il Presidente dell’Istituto Hoffman, Michael Wenger, la direttrice scientifica Daniela Wenger e uno degli insegnanti del corso, Gerardo Traetta. Noi di LSDmagazine, curiosi di entrare nel mondo, tanto affascinante quanto oscuro, delle emozioni che il metodo Hoffman si propone di illuminare, abbiamo presenziato all’evento.

.“A volte ci viene chiesto se l’Hoffman é una terapia. Non lo è. È un seminario intensivo di otto giorni di sviluppo e scoperta personale. È un mezzo per diventare autentici e sviluppare tutto il proprio potenziale. E’ un mezzo per conoscere il proprio se’ e per accrescere l’intelligenza emotiva, competenza indispensabile per una vita ispirata, creativa ed entusiasmante.”, con queste parole, Michael Wenger presenta il metodo Hoffman alla platea entusiasta e fiduciosa, presente nella saletta del Cafe’ Frulez.

Perche’ le persone piu’ intelligenti, nel senso piu’ tradizionale del termine, non sono sempre quelle con cui lavoriamo piu’ volentieri o con cui facciamo amicizia? Perche’ il rendimento scolastico di bambini con una intelligenza brillante crolla in maniera drammatica, in occasione di difficolta’ familiari? Perche’ persone assunte sulla base di classici test d’intelligenza si possono rivelare inadeguate alle esigenze che impone il lavoro? Perche’ un matrimonio puo’ andare a rotoli, anche se il quoziente intellettivo di entrambi i coniugi e’ altissimo? A turno, uno ad uno, i rappresentanti dell’Istituto Hoffman, continuano a spiegare come, nella societa’ civile attuale, dilaniata da una crisi profonda, dove chiari si percepiscono i segnali di un’alienazione sociale e di una disperazione individuale, diventa necessaria l’autoconsapevolezza, la vera bussola per orientarsi nella societa’ attuale. “E’ l’intelligenza emotiva, quella complessa miscela in cui giocano un ruolo predominante fattori come l’autocontrollo, la pervicacia, l’empatia e l’attenzione agli altri, quella che puo’ aiutare tutti noi ad affrontare un mondo sempre piu’ complesso, violento, difficile da decifrare. L’intelligenza emotiva consente di governare le emozioni e di guidarle nelle direzioni piu’ vantaggiose; e’ la capacita’ di capire i sentimenti degli altri al di la’ delle parole; spinge alla ricerca di benefici duraturi, piuttosto che al soddisfacimento degli appetiti immediati.”, prosegue Michael Wegner con evidente soddisfazione, mentre gli astanti ascoltano attenti, non facendosi tentare dal ricco buffet che verra’ consumato a conclusione della presentazione.

La parola passa a Daniela Wenger, “L’intelligenza accademica non offre alcuna preparazione per superare i travagli e cogliere le opportunita’ che la vita porta con se’. Tuttavia, anche se un Qi alto non e’ una garanzia di prosperita’, prestigio o felicita’, le nostre scuole si fissano sulle capacita’ accademiche, ignorando l’intelligenza emotiva, immensamente importante ai fini del nostro destino. La vita emotiva e’ una sfera che, come sicuramente accade nel caso della matematica o della scrittura, puo’ essere gestita con maggiore o minore abilita’, e richiede un insieme di competenze esclusive. La destrezza di una persona in tali ambiti e’ fondamentale per comprendere come mai alcuni soggetti abbiano successo mentre altri, intellettualmente non da meno, imbocchino vicoli ciechi: l’attitudine emozionale e’ una meta-abilita’, in quanto determina quanto bene riusciamo a servirci delle nostre altre abilita’, ivi incluse quelle puramente intellettuali. L’intelligenza emotiva, in realta’, si puo’ apprendere e perfezionare, imparando a riconoscere le emozioni proprie e quelle degli altri. E’ questo nuovo linguaggio delle emozioni, quello che il metodo Hoffman si propone di insegnare negli otto giorni di corso che i partecipanti decideranno di seguire, ad un costo, considerati i benefici, accessibile…”

Il Metodo Hoffman ha ottenuto riconoscimenti di carattere scientifico a livello internazionale: la Harvard University, ad esempio, lo ha adottato con successo nel programma di specializzazione dedicato alla Public Leadership. L’Università di Davis in California ha effettuato una ricerca indipendente per valutare i risultati ottenuti nel tempo e ne ha attestato la validità, dichiarando che l’83% delle persone che lo hanno sperimentato, ha ottenuto benefici immediati e di lunga durata. The Times lo ha definito “la prossima rivoluzione nel settore dello sviluppo personale” (Amy Jenkins – The Times). In Italia il Ministero della Salute, dal 2005 al 2007, lo ha accreditato nei programmi formativi indirizzati a medici, psicologi, psicoterapeuti e infermieri.

A noi non resta che augurarci che davvero esista un antidoto all’infelicita’ e non resta che sperimentare queste proposte cosi radicalmente innovative che da anni fanno discutere l’America, l’Europa e, da un tempo relativamente breve, anche l’Italia.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie