English Spanish German Russian Chinese Italiano
LSDmagazine
Il vostro pezzo mancante. Cultura, Stile, Vita, Attualità, Relax e non solo.
         Direttore responsabile: Michele Traversa
Il grande ritorno di Dior nello storico Blenheim Palace a sessant’anni di distanza dall’ultima sfilata

28 Ago 2016 | Nessun Commento | 925 Visite
Di:
Print Friendly, PDF & Email

d1E’ stato un ritorno in grande stile quello di Dior in Inghilterra a quasi 70 anni dalla fondazione della celebre maison e a poco meno di 60 dall’ultima sfilata nel sontuoso Blenheim Palace, immerso nella campagna dell’Oxfordshire. Il luogo è storico da tanti punti di vista: nella dimora dei duchi di Malborough nacque Winston Churchill e vennero ospitate due grandi sfilate dello stilista francese nel 1954 e nel 1958 in favore della Croce rossa britannica e alla presenza della principessa Margherita. A maggio la ‘magia’ del palazzo è stata ricreata con la passerella della collezione Cruise primavera/estate 2017, rivolta ai mercati più promettenti come quello del Regno.

Tema dominante della linea, in teoria pensata per i vacanzieri dei luoghi esotici, è l’eleganza ‘chic’ tipica della maison con tocchi di originalità, fra cui fantasie floreali e geometriche che attirano l’attenzione. Ma dominano anche i colori pastello inseriti in un tripudio di tessuti leggeri che svolazzano e si increspano senza imbarazzo. E granded2 protagonista è stata la ‘superstar’ delle passerelle, la top model Bella Hadid. Gli ‘eredi’ del grande Christian Dior guardano così avanti, ma anche al passato e alla storia della griffe in un momento di transizione molto importante: non è stato ancora annunciato il successore del direttore creativo Raf Simons, uscito di scena lo scorso ottobre. C’è un ritorno alle ‘origini’, per lo meno nella scelta di Blenheim Palace, e agli anni in cui il fondatore traeva grande ispirazione da Londra. Sua la frase: “Quando una donna inglese è bella è più bella delle donne di ogni altra nazionalità”.

L’amicizia coi duchi di Malborough permise allo stilista di realizzare i due grandi defilé nella loro residenza. Nel primo, del 1954, lo stesso Dior fece sfilare le modelle con cento dei suoi capi della collezione invernale di fronte a un pubblico di 1500 persone. Nella d3seconda, del 1958, lo stilista scomparso un anno prima venne sostituito da Yves Saint Laurent. Fortissimo anche il legame del genio francese coi reali britannici: in vita era ammirato dalla regina Elisabetta e dalla principessa Margherita e decenni dopo la sua scomparsa la principessa Diana divenne testimonial d’eccezione del marchio.

L’evento dell’Oxfordshire è stato accompagnato dall’inaugurazione a Londra di ‘House of Dior’, un nuovo negozio superlusso a New Bond Street, una via della moda nella capitale britannica. Si sviluppa su quattro piani ed è stato realizzato dall’architetto Peter Marino. Per la prima volta in Gran Bretagna la boutique uomo al piano terra offre il servizio ‘Sur Mesure’ (su misura) e ci sono anche spazi riservati ai clienti ‘vip’.

.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

CASHBACK WORLD
il mondo visto di traversa
per vie traverse
Sinestesie Mediterranee
LSD webradio
Coming Soon

LSD television
Coming Soon

per vie traverse
Per Informazioni
E-Mail: info@lessonnumper1.it

Categorie